logo san paolo
sabato 24 agosto 2019
 
Catania
 

Neonata di Catania, una morte assurda

13/02/2015  Il papà e la mamma della bambina sono stati traditi due volte dalla Sanità. Da quella privata, sprovvista dei mezzi per far nascere in sicurezza e da quella pubblica che non ha accolto tempestivamente la piccola in fin di vita poi morta in ambulanza.

Lo strazio di mettere al mondo dopo un normalissimo parto naturale una bella bambina sana e perderla dopo solo quattro ore è indicibile. Come è successo alla mamma e al papà della piccola Nicole morta a poche ore dalla nascita, avvenuta nella clinica Gibiino, a causa di una crisi respiratoria non curata tempestivamente. 

 Non è possibile capire cosa stanno provando i due giovani genitori, Andrea e Tania  31 e 32 anni sposati da due, che per nove mesi hanno cullato l'attesa e la gioia per la primogenita che stava per venire al mondo e oggi si trovano ad affrontare il peggior incubo di ogni essere umano:  la perdita di un figlio. E a chiedersi perché è potuto succedere in un Paese come il nostro  che dovrebbe essere capace di affrontare qualunque complicazione o urgenza medica in sala parto.

Un papà e una mamma traditi due volte dalla Sanità. Prima da quella privata, cui si erano affidati per far nascere la loro primogenita,  sprovvisto di uno strumento fondamentale in qualunque sala parto (la cannula per aspirare il liquido amniotico che a volte i neonati possono ingoiare). Poi da quella pubblica, cui si erano rivolti i medici presenti al parto, ma che non ha saputo indicare una struttura abbastanza vicina per salvarle la vita, indirizzandola e facendola trasportare in urgenza a un ospedale distante 100 chilometri. Dove non è mai arrivata perché è morta stroncata da una crisi respiratoria in ambulanza.

Oggi al papà e alla mamma disperati non resta che assistere al solito teatrino di scarica barile delle responsabilità, di caccia al colpevole, di indignazione. Da quella sentita e popolare a quella di facciata dei politici fatta di interrogazioni parlamentari e dichiarazioni.  Mentre ancora non si è venuto a capo della questione della istituzione dei punti nascita e dei reparti di rianimazione pediatrica sul territorio per garantire la massima sicurezza alle partorienti e ai neonati.


I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%