logo san paolo
venerdì 19 ottobre 2018
 
Lavoro festivo
 

Negozi sempre aperti, contano di più gli affari o la famiglia?

28/12/2017  Il caso di una dipendente trasferita a 100 km di distanza per essersi rifiutata di lavorare a San Silvestro, l'ennesimo di questo tipo, pone interrogativi fondamentali: che tipo di società vogliamo costruire?

TRASFERITA PERCHE NON VUOLE LAVORARE A SAN SILVESTRO  

Il lavoro nei giorni festivi è lecito? Se sì, si può costringere un lavoratore contro la sua volontà a prestarlo?

Le feste che stiamo vivendo hanno creato situazioni di scontro fra i dipendenti e le loro aziende, i primi a rivendicare il loro diritto ad astenersi dal lavoro e a stare in famiglia, gli altri a pretendere la loro presenza in giorni, a loro dire, di grande affluenza negli esercizi commerciali.

Ha fatto scalpore il caso di una lavoratrice che, per aver rifiutato di lavorare a San Silvestro, è stata temporanemante trasferita a 100 km di distanza. La dipendente, va precisato, gode di un vecchio contratto in cui il lavoro festivo è volontario. Un caso di «irresponsabilità umana» per Sabatino Basile, responsabile torinese della Fisascat Cisl, il sindacato che ha denunciato l'episodio accaduto in un supermercato della catena Eurospin a Susa, nel Torinese.

Protagonista una addetta del reparto ortofrutta del supermercato che, dopo avere accusato un malore, si è rivolta al sindacato. «Denunciato il comportamento scorretto e antisindacale dell'azienda», sottolinea Basile, che ha organizzato un presidio davanti al supermercato, «ottenendo la solidarietà di numerosi clienti», e si è rivolto alla assessore alle Pari opportunità della Regione Piemonte. Un incontro con quest'ultima verrà fissato nei prossimi giorni.

Non è l'unico episodio. Giorni fa si è parlato dello sciopero dei dipendenti del centro commerciale Orio Center, vicino allo scalo bergamasco, per protestare contro l'obbligo di lavorare durante le festività.

Costringere una persona a lavorare la domenica o durante le festività non può essere considerata una cosa normale. Non stiamo ovviamente riferendoci a quelle attività necessarie - come la sanità - dove vi è un eveidente obbligo a restare aperti al pubblico, bensì di esercizi commerciali.

I rappresentanti delle catene che vogliono l'apertura festiva sostengono che, in quei giorni, aumenta il giro d'affari, perché le famiglie hanno più tempo per fare le loro spese. Non vi è motivo di contraddire un dato statistico, ma forse il problema è un altro, che non può essere affrontato con le logiche dei puri dati. 

In gioco è il diritto di ogni persona e di ogni famiglia a godere di uno spazio libero dagli obblighi del lavoro, da dedicare agli affetti, alla cura di sé e degli altri, al proprio e altrui benessere. Per i credenti, tale dimensione assume anche un significato religioso, come giorno del Signore, dello spirito, della rinascita interiore. 

Poiché ogni legge crea abitudini e fa cultura, il legislatore prima ancora che ai dati di vendita dovrebbe porre attenzione agli effetti che l'apertura domenicale e festiva produce sugli individui, sulle famiglie e sulla società nel suo complesso, già stressati da ritmi sempre più incalzanti che riducono lo spazio per una vita "lenta", attenta alle cose essenziali della vita.

Perché in fondo il problema sta tutto qui: che cosa è essenziale per noi?

I vostri commenti
31
scrivi

Stai visualizzando  dei 31 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo