logo san paolo
martedì 21 novembre 2017
 
 

Oh my God 2.0 sbarca in Africa

01/11/2017  Ultime puntate per la serie tv che porta otto ragazzi di fedi diverse a confrontarsi con una missione ad Adwa, una delle zone più povere dell'Etiopia

Ultime tre puntate per la seconda serie di Oh my God, la fortunata serie ideata da Cristiana Caricato. Alle 19,30 su tv2000 (in streaming si possono recuperare tutte le puntate) vediamo otto ragazzi appartenenti a diverse fedi religiose protagonisti di un viaggio in Africa. Dopo l’esperienza in Polonia a seguito della Giornata mondiale della gioventù, questa volta i ragazzi si “infiltrano” nella missione salesiana di Adwa, nel nord dell’Etiopia, una delle zone più povere del Paese. Qui opera suor Laura Girotto. I ragazzi le danno una mano filmando e raccontando ciò che avviene in un mondo tanto distante dal loro.

Con la regia di Laura Chimenti i protagonisti della serie usano i linguaggi cui sono abituati tutti i giorni, i new media, per raccontare cosa significa fare i volontari in un contesto cui non sono abituati. La serie si inserisce nella campagna Cei “liberi di partire, liberi di restare” per sensibilizzare sui temi delle migrazioni. In quel contesto, infatti, i ragazzi scoprono qual è la realtà dalla quale molti sono costretti a fuggire in cerca di migliori condizioni di vita. E lo raccontano in modo realistico e coinvolgente. Un docufilm, anzi un docureality suggestivo, informativo e formativo.

L'ultima puntata è visibile al link Oh My God 2.0 Etiopia - Puntata 17 https://www.youtube.com/watch?v=VTRvE6s1VQ8

 

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo