logo san paolo
sabato 15 dicembre 2018
 
 

Paolo VI, maestro di speranza

15/08/2014  Il 6 agosto del 1978, domenica della Trasfigurazione, moriva papa Montini. Padre Leonardo Sapienza, reggente della Prefettura della casa pontificia, nel suo ultimo libro, racconta il Papa "teologo e testimone del Cristo trasfigurato". In vista della beatificazione del prossimo 19 ottobre.

«Il Papa, fino all’ultimo istante in cui poté comprendere, non fece altro che ripetere “Pater noster qui es in coelis”. Ed è stata, direi, l’unica vera parola che il Papa ha detto morendo. Non ha voluto dire frasi. Il suo animo era ormai in colloquio con Dio e tutto quello che gli capitava attorno, l'agitazione dei medici, la nostra, non lo interessava. Il suo colloquio era già diretto a Dio e si spense con serenità e, al momento in cui cessò di battere il suo cuore, il suo volto si rasserenò e divenne quasi giovanile». Il racconto toccante degli ultimi momenti di Paolo VI, dalla voce di monsignor Pasquale Macchi, che ne fu segretario, ci riporta a quel giorno di 36 anni fa.

Una domenica di agosto in cui papa Montini
si spense a Castel Gandolfo, dopo mesi in cui il suo corpo andava consumandosi. La tragedia della morte di Moro si era compiuta e tutti avevano negli occhi l'immagine quasi ripiegata del Papa ai funerali in San Giovanni, il suo grido a Dio, che «non hai voluto ascoltare la nostra preghiera».

Monsignor Leonardo Sapienza ci ricorda, però, anche altro. Nel suo libro Paolo VI una vita trasfigurata (edizioni Viverein) segue il filo che ha legato tutta la vita di papa Montini: quello appunto della testimonianza e dello studio di Cristo trasfigurato. Lo fa, come di consueto, attingendo ai documenti, mettendo in fila discorsi e preghiere. E lasciandosi guidare dall'amore e dalla conoscenza che padre Leonardo ha per il Papa bresciano.

Questo volume si aggiunge così agli altri, preziosi, dedicati a Paolo VI
. Solo quest’anno, sono da ricordare, sempre per le edizioni Viverein, La Chiesa il mio chiodo fisso, per i 50 anni dell'Ecclesiam suam, e Andreotti e Paolo VI, il primato della qualità. Padre Sapienza fa parlare Montini, mettendo in fila, con saggezza, le omelie, i discorsi alle udienze, gli angelus, le visite alle parrocchie.  Per rispondere alla domanda che pone lo stesso Papa: «Conoscete davvero Gesù? Sapreste realmente dire chi è? Lo avete presente nelle vostre anime?». Per mettersi così alla sequela di Cristo. «La fede», ci ricordano le parole di Montini, «cioè la misteriosa conoscenza di Gesù, l'avremo con la fortuna di poterlo ascoltare. Ce lo ricorda il Vangelo: "Ipsum audite", Lui dovete ascoltare». Ascoltare e amare: «Chi lo ama lo conoscerà nella maniera più valida».

Multimedia
Paolo VI, il Papa del dialogo
Correlati
I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo