logo san paolo
martedì 20 novembre 2018
 
 

«Non si sa quando Gesù tornerà»

03/12/2012  «Non conosciamo i tempi della seconda venuta di Gesù», ha detto Benedetto XVI durante l'Angelus di domenica 2 dicembre, «ma prima bisogna che tutti i suoi nemici siano sconfitti».

Il Papa durante l'Angelus, domenica 2 dicembre 2012. Foto Reuters. In copertina: il Cristo Pantocratore, mosaico nel Duomo di Cefalù (XII secolo).
Il Papa durante l'Angelus, domenica 2 dicembre 2012. Foto Reuters. In copertina: il Cristo Pantocratore, mosaico nel Duomo di Cefalù (XII secolo).

Non sono noti i tempi della «seconda venuta di Gesù Cristo», dopo quella costituita dall'incarnazione, e che rappresenterà il «ritorno glorioso alla fine dei tempi». Lo ha detto il Papa domenica 2 dicembre durante l'Angelus recitato dalla finestra del suo studio affacciato su piazza San Pietro, davanti ad alcune migliaia di fedeli.

Joseph Ratzinger ha comunque sottolineato che la fine dei tempi non potrà avvenire prima che siano sconfitti tutti i nemici di Gesù. Incarnazione e fine dei tempi, ha spiegato papa Ratzinger, sono due momenti «cronologicamente distanti - e non ci è dato sapere quanto-», ma «in profondità si toccano, perchè con la sua morte e resurrezione Gesù ha già realizzato quella trasformazione dell'uomo e del cosmo che è la meta finale della creazione». «Ma prima della fine - ha sottolineato il Papa - bisogna che tutti i suoi nemici siano posti sotto i suoi piedi». Si tratta del «disegno di salvezza di Dio, che è sempre in atto» e che «richiede continuamente la libera adesione e collaborazione dell'uomo». La Chiesa vive «protesa nella attesa del ritorno del Signore», una «attesa fatta di speranza vigilante e operosa».

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo