logo san paolo
mercoledì 21 novembre 2018
 
dossier
 

Peres e Abu Mazen a Roma l'8 giugno

30/05/2014  Avrà luogo in Vaticano. Appuntamento nel pomeriggio di domenica 8 giugno, Pentecoste. E' stata definita la data dell'incontro di preghiera per la pace a cui papa Francesco ha invitato i presidenti di Israele, Shimon Peres, e della Palestina, Mahmoud Abbas (Abu Mazen). Lo ha comunicato la Sala stampa della Santa Sede.

Sarà sicuramente una preghiera che arriverà al cuore di Dio. Qualunque saranno la formula e le lingue usate. Rispondendo all’invito che papa Francesco aveva loro fatto nel viaggio in Terra Santa, il presidente israeliano Shimon Peres e quello palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) si troveranno insieme in Vaticano l’8 giugno.

E così, , nella «casa» del Papa, nel pomeriggio della domenica di Pentecoste, un cristiano, un ebreo e un musulmano, tre capi di Stato, invocheranno la pace per i loro popoli. Papa Francesco ha trovato un terreno comune per riaprire la comunicazione e tentare di giungere alla fine del conflitto israelo-palestinese con il riconoscimento di due Stati nei confini internazionalmente riconosciuti. E, sotto la protezione dello Spirito Santo, in tanti sperano che, questa volta, ci possa davvero reciprocamente capire.

Multimedia
Il Papa a Betlemme: «Venite a pregare con me in Vaticano»
Correlati
Il Papa a Betlemme: «Venite a pregare con me in Vaticano»
Correlati
Il Papa in Israele,l'accoglienza
Correlati
I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo