logo san paolo
venerdì 29 luglio 2016
 
 

I cattolici e le frottole sul Papa

15/12/2012  La Rete si è riempita di gente convinta che il Papa avesse dichiarato i gay nemici della pace e che avesse "benedetto" la speaker del Parlamento dell'Uganda.

Papa Bendetto XVI (Reuters).
Papa Bendetto XVI (Reuters).

"Il 12 dicembre il Papa ha fatto un passo verso la modernità mettendosi a twittare, peccato che il giorno dopo sia tornato al medioevo più buio, benedicendo in Vaticano Rebecca Kadaga, promotrice ugandese della pena di morte nei confronti dei gay del suo paese. La ciliegina sulla torta è arrivata oggi, quando ha affermato che le nozze gay siano "un'offesa alla persona, una ferita alla pace". Io davvero sono basita e, sebbene cattolica, mi sento lontana anni luce dal pensiero del papa, non capisco come l' affermazione di un legittimo diritto di una minoranza possa essere offensivo nei confronti della famiglia tradizionale".



Ripubblico integralmente questo commento, arrivato sul nostro sito a firma Stregatta, perché assai indicativo di un "costume" italiano che non potrà mai essere abbastanza stigmatizzato. Stregatta ha mandato, ieri, anche un altro post, in cui ci sfidava (non si capiva bene se noi di Famigliacristiana.it in quanto giornalisti o in quanto cattolici) a commentare la presunta benedizione di Rebecca Kagada, speaker del parlamento dell'Uganda, da parte di Benedetto XVI. Bene, ci provo io.

Cara Stregatta,

essere cattolici, come Lei si dichiara, non esime dall'informarsi meglio quando si vogliano criticare affermazioni o azioni vere o presunte di chicchessìa, Benedetto XVI ovviamente compreso. I suoi post riprendevano infatti pari pari, senza alcuno sforzo di verifica, una serie di stupidaggini propalate dai soliti giornali che da molto tempo conducono una becera campagna contro la Chiesa cattolica, quella sì degna dei tempi più bui della nostra storia.

Mi consenta una breve disgressione. Ricorda quando certi giornali ci spiegarono, con abbondante uso di fonti aninime, che padre Georg Gänswein, segretario privato di papa Benedetto XVI, fosse stato gravemente compromesso dallo scandalo Vatileaks? Bene. Ora padre Georg è diventato prefetto della Casa Pontificia e arcivescovo, alla faccia della compromissione. Troverà Lei una qualche ammissione di colpa sui giornali? No di certo. Nè la troverà sulla caterva di sciocchezze dedicate al tema "Chiesa e Ici" o "Chiesa e Imu", sulla base del falso assunto che "la Chiesa non paga le tasse".

E non la troverà nemmeno sulle due fanfaluche che Lei ha preso per buone a proposito dei gay e della Kagada. Intendiamoci: Lei non è certo l'unica, ieri la Rete era piena di queste bufale. Perché, cara Stregatta, nel messaggio di Benedetto XVI per la Giornata mondiale della Pace non v'è traccia dell'affermazione che Lei cita tra virgolette e che tanto la scandalizza (le nozze gay come offesa alla pace): niente, nulla, zero, nada de nada. Se cliccherà sulle parole seguenti, potrà verificare di persona il testo del Messaggio, peraltro già ieri facilmente rintracciabile sul sito del Vaticano, www.vatican.va, e anche,
altro link, su Famigliacristiana.it

E allo stesso modo non è vero che Benedetto XVI ha "benedetto" Rebecca Kagada, speaker del Parlamento dell'Uganda. Il Papa ha incontrato la Kagada, che guidava una folta delegazione di parlamentari e magistrati dell'Uganda giunta a Roma per partecipare alla Settima Assemblea dei Parlamentari della Corte Internazionale dei Crimini e alla Conferenza Mondiale dei Parlamentari per i Diritti Umani, al termine di una funzione religiosa cui hanno partecipato migliaia di altri pellegrini. Un saluto, nessuna benedizione, come capita in questi casi alle delegazioni di un certo rilievo.

Solo una congrega di falsari dell'informazione poteva mettere insieme, per vendere qualche copia in più, la bugia delle "nozze gay ferita alla pace" con la "benedizione alla Kagada". Solo un pubblico prevenuto poteva prenderle per buone. E, mi perdoni, solo dei cattolici molto ingenui potevano prenderle per buone.

A completamento di questa nota, aggiungo che:
1. la legge contro gli omosessuali in discussione in Uganda (dove l'omosessualità è già reato) NON prevede più la pena di morte, che era invece prevista in una stesura precedente nel caso di rapporti sessuali tra omosessuali HIV-positivi e di rapporti tra omosessuali con minori o disabili. Il che non toglie, ovviamente, che la legge in discussione sia comunque inaccettabile.
2. Rebecca Kagada, che pure si è detta a favore della legge, NON è la promotrice del provvedimento, che è stato invece avanzato dal parlamentare ugandese David Bahati.

Cordiali saluti
   

Speciale Giubileo della Misericordia
I vostri commenti
43
scrivi

Stai visualizzando  dei 43 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Pubblicità
    Edicola San Paolo