logo san paolo
lunedì 14 ottobre 2019
 
I FUNERALI DEL BOSS
 

Il prefetto Gabrielli: «Errori, sì, ma Roma non è connivente»

21/08/2015  Si poteva interrompere tutto? «Solo il Questore poteva dare prescrizioni sulla cerimonia, qualora ci fossero stati i presupposti di legge. Ma nè sul suo tavolo nè sul mio è arrivata una segnalazione in tempo utile. E qui sta il problema». La gente che piange e applaude? «C'è stata più amplificazione mediatica che partecipazione di popolo. Non si può parlare di criticità del luogo».

Non si nega. E rilancia. Riflettendo con Famiglia Cristiana sullo sfarzoso funerale del boss romano Vittorio Casamonica, il Prefetto della Capitale, Franco Gabrielli, ammette inefficienze e lacune dell'apparato di sicurezza, lamenta un'eccessiva amplificazione mediatica e difende Roma: «Non è corretto parlare di una criticità riferita al luogo».

Signor Prefetto, a 24 ore dallo scandaloso evento che valutazioni fa?
«Dico che è accaduta una cosa grave. Stigmatizzabile.  Non doveva accadere. E invece è accaduta».

Perché?
«Tre le cause, a mio avviso. Il funerale è stato celebrato in un quartiere diverso da quello di appartenza del boss. Il periodo ferragostano ha generato un allentamento delle difese immunitarie anche in campo sociale. Infine, ed è una nostra mancanza, l'apparato di sicurezza non ha saputo cogliere i giusti segnali di quel che sarebbe successo».

Roma, 9 maggio 2015. Il Prefettto di Roma Franco Gabrielli e il generale dei Carabinieri Salvatore Luongo in via Caetani durante la cerimonia per il 37° anniversario dell'uccisione di Aldo Moro, Foto Ansa. In alto: il Sindaco Ignazio Marino (a sinistra) con il Prefetto Franco Gabrielli in occasione della commemorazione dell'assassinio di Massimo D'Antona, a Roma, il  20 maggio 2015. Foto Ansa.
Roma, 9 maggio 2015. Il Prefettto di Roma Franco Gabrielli e il generale dei Carabinieri Salvatore Luongo in via Caetani durante la cerimonia per il 37° anniversario dell'uccisione di Aldo Moro, Foto Ansa. In alto: il Sindaco Ignazio Marino (a sinistra) con il Prefetto Franco Gabrielli in occasione della commemorazione dell'assassinio di Massimo D'Antona, a Roma, il 20 maggio 2015. Foto Ansa.

Alcuni testimoni affermano che prima delle esequie in zona c'erano pattuglie della Polizia municipale e dei Carabinieri. Non si poteva interrompere il funerale?
«Solo il Questore poteva dare prescrizioni sulla cerimonia, qualora ci fossero stati i presupposti di legge.  Ma nè sul tavolo del Questore nè sul mio è arrivata nessuna segnalazione in tempo utile. E qui sta il problema. In una società perennemente connessa non c'è stata la necessaria tempestività di informazione».

Da un elicottero sono stati lanciati petali di rosa...
«Era un velivolo ultraleggero. Sorvolava una zona della città non soggetta a restrizioni. Comunque sono in corso accertamenti per verificare la correttezza del sorvolo».

La gente, infine. Roma connivente?

«No. C'è stata più amplificazione mediatica che partecipazione di popolo. Non si può parlare di criticità  del luogo. Sicilia, Calabria e Campania, terre che conosco e amo, hanno un'altra storia in quanto a radicamento del sistema mafioso. Storia dalla quale per altro si stanno affrancando con  intelligenza e vigore, sviluppando gli opportuni anticorpi sociali, di legalità e anche religiosi»



 

Multimedia
Carrozza, cavalli e petali di rosa lanciati da un elicottero: se il funerale è l'esaltazione di un boss
Correlati
I vostri commenti
21
scrivi

Stai visualizzando  dei 21 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%