logo san paolo
lunedì 23 settembre 2019
 
Califfato
 

Perchè ora chiamiamo l'Isis Daesh

25/11/2015  Come ogni entità terroristica, il Califfato di al-Baghdadiin guerra con l'Occidente muta continuamente sigla: Aqi, Is, isis,Isil e ora Daesh. Ecco come si è evoluto e cosa significano le varie sigle.

I primi nell'Occidente a chiamare il Califfato di al-Baghdadi "Daesh" sono stati gli americani. Barack Obama ha usato lo stesso nome quando ha parlato, al vertice dei leader del G20 in Turchia, di “Daesh, una forza in grado di infliggere un dolore così grande agli abitanti di Parigi, Ankara e del resto del mondo”. Anche John Kerry, il segretario di stato americano, ha chiamato Daesh il gruppo Stato islamico nel corso di un incontro a Vienna. Ma le sigle di questo Stato di terroristi è stato indicato con varie sigle: Isis, Isil, Sic. Uno dei motivi è che il gruppo, nato nel 2003 dalla resistenza di un gruppo di ribelli sunniti alle truppe anglo-americane in Irak, affiliato ad Al Qaeda, si è evoluto. E il bello è che Al Qaeda, responsabile degli attentati alle Torri Gemelle nel 2001, ne ha preso poi le distanze per la particolare efferatezza dei suoi affiliati, il che è tutto dire.

Nel tempo quest'entità del male si è estesa e si è strutturata sempre di più, grazie anche all'infiltrazione di ex ufficiali dell'esercito di Saddam Hussein, Nel 2007 il gruppo, che si faceva chiamare Aqi (Al Qaeda Irak) ha cambiato nome in Isi (acronimo di Islamic State in Irak). Quando ha cominciato a sconfinare in Siria, profittando della guerra civile, installandosi nella parte orientale, ha mutato l’acronimo in Isis (ed è il nome più popolare: Islamic State of Irak and Siria). Gli Stati Uniti preferivano chiamarlo Isil (Stato Islamico in Irak e nel Levante). Qualche anno dopo, quando ha occupato vaste porzioni dei due territori, si è autoproclamato Stato del califfato islamico (Sic). Così facendo al-Baghdadi ha lanciato le sue aspirazioni a esercitare la sua autorità su tutti i musulmani del mondo. E’ a quel punto che alcuni Paesi arabi sunniti, che lo avevano finanziato, si sono resi conto di aver partorito un mostro fuori controllo. Ma ormai era troppo tardi.

E veniamo alla nuova sigla Daesh, che è risuonata soprattutto all’indomani delle stragi di Parigi. E’ l’acronimo dell’equivalente arabo di Isis, vale a dire  "Al dawla al islamiya fi al Iraq wal Sham" (Sham è l'antico titolo della Siria in arabo). E’ la sigla che più si è diffusa nei Paesi arabi, anche se i membri del gruppo lo chiamano semplicemente al dawla, lo Stato. Daesh ha un suono, per gli arabi, simile a quello di parole che significano calpestare, distruggere, sbattere contro qualcosa, e causare tensione. Più che mai azzeccato vista la ferocia dei suoi adepti che si fanno ritratrre sotto le bandiere nere. Ultimamente le potenze occidentali e molti giornali hanno adottato questo termine. Che ha il merito, tra le altre cose, come ha spiegato il ministro degli esteri francese Fabius, di non dare al gruppo la dignità di Stato.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 78,00 € 52,80 - 32%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%