logo san paolo
mercoledì 21 novembre 2018
 
dossier
 

Il Natale di chi rischia per la fede

20/12/2012  Dall'Africa al Medio Oriente e all'Asia, dalla Nigeria alla Cina, si allargano le zone in cui la vita dei cristiani è sottoposta a pericoli o, peggio, a vere e proprie persecuzioni.

Foto Reuters.
Foto Reuters.

Makset Djabbarbergenov, per esempio.È un pastore protestante dell’Uzbekistan che tre anni fa è scappato in Kazakhstan, chiedendo asilo politico. In patria, in base alle leggi vigenti e per aver predicato nella propria casa di Nukus, rischia fino a 15 anni di carcere.Il Kazakhstan tiene la richiesta di asilo in sospeso e, per non sbagliare, Djabbarbergenov in prigione. Oppure, quella famiglia di cattolici di Dhaka (Bangladesh), sei persone finite sotto inchiesta con l’accusa di aver rapitola donna di servizio, una ragazza musulmana di 14 anni.

Di loro non parleranno i Tg (che, peraltro,non parlano nemmeno di casi famosi come quello di Asia Bibi, ancora detenuta in Pakistan per la solita accusa di blasfemia) e, per essere onesti, ne parleremo poco anche noi, i cristiani che hanno la fortuna di vivere in Paesi dove la libertà di religione non è un lusso e nemmeno un optional, ma un tratto tipico del vivere sociale. E, invece, dovremmo farlo, e non solo sotto Natale, perché a causa della propria fede almeno un cristiano su dieci nel mondo, cioè circa 200 milioni di persone, vive in condizioni durissime, quando non in regime di aperta persecuzione e di pericolo quotidiano.

Sono le stime della Fondazione Aiuto alla Chiesa che soffre, che di questi temi si occupa dal 1947, anno della sua creazione. Ma basta dare un’occhiata alla cartina geografica per accorgersi che l’area del disagio e della discriminazione col tempo è andata allargandosi,invece di restringersi. La più recente emergenza, e oggi forse anche la più acuta,è quella dell’Africa sub sahariana. In tutta la fascia del Sahel, che dall’Oceano Indiano e dal Corno d’Africa di Somalia ed Etiopia attraversa il continente fino all’Oceano Atlantico e alle coste della Guinea e della Mauritania, si sono incrociati due fenomeni che hanno trasformato la vita dei cristiani in un rischio continuo: da un lato la diffusione di un islam radicale che ha poco a che vedere con il tradizionale e più tollerante islam africano e che sta “infiltrando” anche movimenti autonomisti e indipendentisti (come quello dei tuareg nel Mali o quelli analoghi del Ciad e del Niger) che con le questioni religiose avevano poco o nulla a che fare; dall’altro, lo sfruttamento di queste pulsioni da parte del terrorismo islamico che ancora s’ispira ad Al Qaida e che spesso presta la propria esperienza“militare” alle frange più spietate dell’estremismo politico islamista.

Ecco così i cristiani della Nigeria, già afflitti dalla shari’a (legge islamica) che vige in 19 dei 36 Stati del Paese, sempre più decimati dagli attentati alle chiese che la falange Boko Haram ha incrementato da quando gode del supporto dei terroristi qaidisti arrivati da Nord, soprattutto dall’Algeria, per sfuggire alla caccia all’uomo. O il Kenya, dove gli shabaab (i “giovani”) s’infiltrano dalla Somalia per i loro raid sanguinosi.

Ma la sofferenza dei cristiani nel mondo non si chiama solo terrorismo o estremismo islamico. C’è, insidia ancor più sottile, l’islamismo istituzionale, quello che dialoga tranquillamente con le cancellerie dell’Occidente,riverito e rispettato: quello dei Fratelli musulmani in Egitto, che tanta preoccupazione desta tra i cristiani copti e cattolici del Paese(10% della popolazione, tutt’altro che una minoranza residuale), o quello del regime wahabita dell’Arabia Saudita, dove le irruzioni della polizia nelle case dei cristiani sono ancora all’ordine del giorno. Arabia Saudita che poche settimane fa ha chiuso con gli Stati Uniti un contratto da 67 miliardi di dollari in armamenti ed è quindi, da ogni punto di vista, inattaccabile.

C’è l’impotenza dei governi amici o quasi amici, come quello del Pakistan. I molto promettenti segnali in difesa delle minoranze, a suo tempo lanciati dal presidente Asif Ali Zardari,sembrano essere sfumati con l’omicidio del ministro cristiano Shahbaz Bhatti, nel marzo 2011. La famigerata legge sulla blasfemia,di cui è vittima Asia Bibi e che ancora porta in tribunale centinaia di persone sulla base di accuse sommarie, è sempre in vigore e solo qualche mese fa ha visto la crudele assurdità del carcere inflitto a una bambina cristiana di 14 anni, Rimsha Masih, afflitta da sindrome di Down, e appunto imputata di oltraggio al Corano.

E poi c’è, come sempre, la guerra. Una tragedia per tutti ma per le minoranze, quali sono i cristiani in molte regioni del mondo,spesso una tragedia senza ritorno. In Medio Oriente troviamo gli esempi più clamorosi.Di più lunga data quello dei cristiani di Palestina(la popolazione cristiana di Gerusalemme è scesa dal 25% al 2% tra il 1840 e il2002), che scontano un secolo di conflitti tra gli ebrei prima e lo Stato di Israele dopo e i palestinesi. Più recente, e potenzialmente ancor più drammatico quello dei cristiani di Siria:2 milioni di persone, il 10% della popolazione,oggi presi nello scontro tra il regime alawita e la rivolta sunnita, domani forse alle prese con un regime islamico integralista.

Fulvio Scaglione

Foto Reuters.
Foto Reuters.

C’è un Oriente duro e aggressivo, che mal si combina con i sorrisi cui ci ha abituati. I cristiani non sono dovunque ben accetti. Cina, Filippine e Indonesia offrono esempi allarmanti al riguardo. Monsignor Giovanni Chen Shizhong incarna forse più di altri la tribolata parabola cinese. Nato nel 1917da una famiglia cattolica, è entrato nel 1927 nel seminario minore di Yibin. Ordinato sacerdote nel 1947, ha servito per alcuni anni come parroco.

Negli anni’50 e durante la Rivoluzione culturale(19661976 )è stato dapprima imprigionato e poi obbligato a lavorare come contadino. Vessazioni, privazioni,violenze. Poi, nel 1981 è stato riabilitato ed è tornato alla sua chiesa. Il 14 giugno del 1985 è stato ordinato vescovo. Ha coltivato il rapporto con Roma, al punto d’esser riconosciuto dalla Santa Sede. E ha dimostrato intelligente zelo nella trasmissione della fede, tanto da essere riconosciuto come principale artefice della ricostruzione della Chiesa in tutto il Sichuan. La sua recente morte, avvenuta a 96 anni, è stata l’occasione per riflettere sulle sofferenze antiche e presenti di tanti credenti, alla luce delle ripetute violazioni del diritto alla libertà religiosa attribuibili in parte al timore che la Primavera araba possa influenzare anche il Celeste impero e in parte al desiderio di frenare il crescente interesse religioso che si registra nel Paese, dove i cattolici sono almeno 12 milioni.

Permangono, poi, tensioni nella regione di Mindanao (Filippine), a maggioranza musulmana, dove in passato edifici e comunità cristiane hanno subìto attacchi e dove pare che i mandanti dell’omicidio di padre Fausto Tentorio, ucciso nel 2011,siano le milizie paramilitari, ostili alla difesa delle popolazioni tribali fatta dalla Chiesa. A novembre, infine, una violenta campagna anticristiana è stata lanciata da gruppi islamisti nella provincia di West Sumatra, in Indonesia.

Alberto Chiara

Multimedia
Il Papa all'udienza con gli sbandieratori di Arezzo, poi l'incontro con i familiari di Asia Bibi
Correlati
I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo