logo san paolo
martedì 16 gennaio 2018
 
RISORSE IDRICHE
 

"Il pozzo di papa Francesco", nuova speranza per l'Uganda

29/12/2017  La campagna promossa dall'organizzazione Africa mission-Cooperazione e sviluppo nell'arida regione della Karamoja ha non solo raggiunto ma superato il traguardo fissato: l'obiettivo era perforare 100 nuovi pozzi, ne sono stati realizzati 138.

(Foto di Africa Mission-Cooperazione e sviluppo, 2017)

"Il pozzo di papa Francesco" ha regalato un Natale speciale all'associazione Africa mission-Cooperazione e sviluppo. La campagna per la realizzazione di pozzi in Uganda, attiva dal 2015 al 2017 e dedicata simbolicamente al Pontefice, ha raggiunto un risultato straordinario, al di là delle aspettative: l'obiettivo fissato era arrivare a cento pozzi in tre anni. Il traguardo è stato ampiamente superato: sono stati perforati 138 nuovi pozzi - di cui 128 produttivi - e ne sono stati riabilitati 420. Sessanti sono stati realizzati grazie al co-finanziamento della Cei, gli altri 68 grazie al contributo di tanti donatori, amici e sostenitori del Movimento piacentino, fondato da don Vittorio Pastori (noto come don Vittorione). 

Un traguardo ancora più importante perché arriva nel 45° anno di vita di Africa mission. «Siamo orgogliosi di poter condividere la gioia di questa bella notizia con papa Francesco», commenta il direttore del Movimento Carlo Ruspantini, «è un modo di dire grazie a lui e ai nostri tanti sostenitori, perché è anche merito loro se oggi milioni di gocce d'acqua giornalmente alimentano, in modo continuantivo, la speranza di costruire un mondo migliore che hanno nel cuore i nostri amici del Karamoja».

E' in questa regione del Nordest dell'Uganda, terra arida, desertica, una delle più povere e arretrate al mondo, abitata da popolazioni seminomadi  dedite ad agricoltura e pastorizia di sussistenza, che Africa mission concentra le sue attività e i suoi progetti idrici, perché, come ripeteva don Vittorione, "senz'acqua non ci può essere futuro" ed è dall'accesso alle risorse idriche che comincia lo sviluppo. 

La campagna "Il pozzo di papa Francesco" è stata lanciata in occasione dell'udienza del 3 dicembre 2014 - alla quale ha partecipato anche monsignor Damiano Guzzetti, vescovo della diocesi di Moroto, in Karamoja - con la consegna al Santo Padre del millesimo pozzo perforato dall'organizzazione (rappresentanto da un simbolico pozzo in miniatura). A gennaio del 2016 una delegazione di giovani karimojong - la popolazione che abita la Karamoja - accompagnata da Africa mission ha realizzato il sogno di venire in Italia e di incontrare papa Francesco in udienza in Vaticano.

Nel 2018 Africa missione riparte con una nuova campagna, "Stai dalla parte di chi ha sete": l'obiettivo è perforare 50 nuovi pozzi in cinque anni, fino al 2022, anno in cui l'associazione festeggerà il suo primo mezzo secolo di vita.

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo