logo san paolo
martedì 19 marzo 2019
 
 

Quando la solidarietà passa per i capelli

07/03/2019  Una app che propone ai clienti la possibilità di tagliarsi la chioma e donarla a “Una stanza per un sorriso Onlus”, per realizzare parrucche destinate alle donne in chemioterapia

Dare un taglio ai capelli per aiutare le donne che stanno affrontando la s fida della chemioterapia. Uala.it, la app nata nel 2015 per prenotare appuntamenti dal parrucchiere o nei centri estetici, sostiene il progetto “Sansone”, partito con la realizzazione dell’omonimo cortometraggio, vincitore per la miglior sceneggiatura al Rome independent lm festival 2017.

Il film, scritto e diretto da Chiara Centioni, avrà una finalità sociale: invitare le persone a tagliarsi i capelli per creare delle parrucche destinate alle donne malate di cancro che li hanno persi a causa della terapia. Un modo concreto per aiutare queste donne a recuperare l’autostima e, per quanto possibile, la normalità sconvolta dalla malattia.

Sulla piattaforma www.uala.it è possibile prenotare il “taglio Sansone”: i saloni che partecipano effettuano il servizio gratuitamente. I capelli tagliati saranno donati alla Onlus “Una stanza per un sorriso” che patrocina il progetto. I clienti che aderiscono dovranno donare almeno 25 cm di capelli, anche tinti, che verranno poi intrecciati e inviati a spese del salone all’associazione.

Per la realizzazione del cortometraggio è partita una campagna di crowdfunding, sostenuta da varie realtà: è possibile contribuire con una donazione sulla piattaforma dedicata, alla quale si può accedere dal sito www.unastanzaperunsorriso.it

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo