logo san paolo
lunedì 19 novembre 2018
 
Orientamento
 

Ho scelto la scuola sbagliata

16/12/2016  Secondo unì'indagine di AlmaDiploma, il 47% dei diplomati se potesse tornare indietro sceglierebbe un'altra scuola superiore. Nel rapporto anche la percentuale dei ragazzi che cerca subito un lavoro e di coloro che hanno fatto soggiorni all'estero. In generale gli studenti dimostrano di apprezzare il corpo docente

Sono complessivamente soddisfatti dell'esperienza fatta alla scuola superiore (80%), danno buoni voti ai loro insegnanti (il 78% è soddisfatto della competenza dei prof) e nella maggioranza dei casi hanno avuto un percorso regolare, senza ripetenze (88%). Ma quasi la metà dei diplomati 2016, il 47%, è pentito della scelta fatta a 14 anni e se tornasse indietro cambierebbe scuola e/o indirizzo. Segno che manca «un'adeguata politica di “educazione alla scelta”», un percorso di orientamento che «prenda in considerazione tutta la filiera educativa, a partire dalla scuola secondaria di primo grado». L'analisi è di AlmaDiploma, che  al ministero dell'Istruzione ha presentato l'indagine sul Profilo dei diplomati 2016 di AlmaDiploma e AlmaLaurea, svolta a luglio su 40 mila diplomati di 261 istituti scolastici. Tra i diplomati pentiti, c'è chi, tornando indietro, farebbe studi incentrati su discipline diverse (41%) o che preparino meglio all'università (16%) e al mondo del lavoro (20%). In generale, oltre la metà dei diplomati 2016 (56%) è soddisfatta delle attività di orientamento realizzate durante la scuola superiore e, a ridosso del diploma, il 58% ha già deciso che continuerà gli studi, il 7% studierà e lavorerà e il 17% cercherà un lavoro. Ma esiste un 13%di studenti ancora molto incerto sul proprio futuro formativo e professionale.

«Oggi più che mai», ha osservato il direttore di AlmaDiploma, Renato Salsone «risulta necessario per le istituzioni scolastiche dotarsi di efficaci strumenti per perseguire una vera e propria politica di 'educazione alla sceltà in modo sistematico e sostenibile nel tempo». Tra gli strumenti a disposizione per orientare gli studenti, ricorda AlmaDiploma, c'è l'alternanza scuola-lavoro - resa obbligatoria dalla “Buona scuola”- svolta dal 57% dei diplomati 2016. Hanno fatto stage/alternanza scuola-lavoro il 98% dei diplomati professionali, l'80% dei tecnici e il 33% dei liceali; il 5% ha svolto queste attività all'estero. Per il 42% sono state esperienze brevi, per il 27% sono durate più di 150 ore. E nel complesso, sottolinea AlmaDiploma, gli studenti si sono dichiarati soddisfatti. Il 58% dei diplomati ha anche lavorato nel corso della scuola superiore: in modo continuativo (11%), in modo saltuario (27%) o nel periodo estivo (20%). Il 35%, infine, si è recato all'estero per studiare, prediligendo Paesi come Regno Unito (42% delle esperienze), Spagna (14%), Irlanda (12%), Francia (11%) e Germania (6%), mentre 1 su 3 ha conseguito diplomi che attestano le competenze linguistiche.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo