logo san paolo
venerdì 26 aprile 2019
 
 

Regole più restrittive per l’export di armi. Lo vuole l’UE

26/12/2015  Con la minaccia del terrorismo, il 17 dicembre i deputati hanno approvato un rapporto che richiede di applicare più rigorosamente gli 8 criteri del Codice di condotta UE per le esportazioni di armi. Nel 2013 solo gli Stati membri hanno esportato il corrispettivo di 26 miliardi di euro di armi verso i Paesi al di fuori dell'UE. Nasce l’idea di un’Autorità europea indipendente per il controllo delle armi.

Con la votazione, il Parlamento ha chiesto agli Stati membri di applicare gli 8 criteri del Codice di condotta UE per le esportazioni di armi in modo più coerente e rigoroso, considerando il drastico cambiamento del contesto globale della sicurezza intorno all'Europa. Nel provvedimento è evidenziato come “il commercio di armi può non essere in linea con gli interessi di sicurezza dell'UE e che interessi politici o nazionali non devono prevalere sul processo decisionale per le licenze di l'esportazione”.

Gli 8 criteri precisano nuove indicazioni per gli Stati membri per evitare che le attuali normative sul traffico d’armi possano essere aggirate.

In futuro ogni Stato membro dovrà tenere conto, fra l’altro, del rispetto dei diritti umani nel Paese di destinazione finale e del rispetto del diritto internazionale umanitario; dei comportamenti del Paese acquirente per quanto concerne ad esempio il suo sostegno o incoraggiamento del terrorismo e della criminalità organizzata internazionale. Ogni Stato dell’UE dovrà prestare maggior attenzione all’esistenza del rischio che la tecnologia o le attrezzature militari siano sviate all’interno del Paese acquirente o riesportate a condizioni non ammissibili.

Tutti gli Stati dovranno valutare la compatibilità delle esportazioni di tecnologia o di attrezzature militari con la capacità tecnica e economica del Paese destinatario, tenendo conto che gli Stati dovrebbero essere in grado di soddisfare le loro legittime esigenze in materia di sicurezza e difesa con una diversione minima di risorse umane ed economiche per gli armamenti.


"Una diffusione incontrollata delle armi rappresenta un serio rischio per la pace e per la sicurezza"

Nel rapporto sull'esportazioni di armi dell'UE la deputata svedese dei Verdi Bodil Valero evidenzia come «la situazione della sicurezza in Europa è completamente diversa rispetto a cinque anni fa». «Per molti anni abbiamo venduto un grande numero di armi a Paesi con un certa stabilità, ma che al momento sono zone di conflitto. Se non definiamo una corretta valutazione dei rischi, allora avremo seri problemi. Oggi ci rendiamo conto che le armi che abbiamo venduto possono essere utilizzate contro di noi».

Nel provvedimento nasce l’idea di invitare gli Stati membri a sostenere la creazione di un'Autorità europea indipendente per il controllo delle armi: l'autorità avrebbe il ruolo di garantire che tutti rispettino le regole minime. I Paesi sarebbero comunque liberi di applicare delle norme più severe, che potrebbero avere anche delle conseguenze per le industrie di armi europee.

«Gli Stati membri dell'UE che esportano armi», ha aggiunto la relatrice del provvedimento Bodil Valero, «devono tener presente che i Paesi ai quali hanno venduto armi in passato non sono più stabili e devono rafforzare l'attuale regime comunitario per l'esportazione di armi». In conclusione, ha ricordato che «in qualità di maggiori esportatori mondiali di armi, devono avere una responsabilità particolare per assicurare che l'UE rimanga un sostenitore credibile dei diritti umani».

Nella risoluzione approvata con 249 voti favorevoli, 164 contrari e 128 astensioni, i deputati rilevano che una diffusione incontrollata delle armi rappresenta un serio rischio per la pace e per la sicurezza, per i diritti umani e per lo sviluppo sostenibile. Rilevano, inoltre che, nonostante la situazione in Siria e in Iraq, le maggiori attività terroristiche e i conflitti nel Medio Oriente e in Nord Africa, non sia stato introdotto nessun cambiamento alle regole in vigore.

L'UE, nel 2013, ha esportato verso Paesi terzi armi per un importo totale di 26 miliardi di euro

  

Nel 2013, gli Stati membri dell'UE hanno esportato verso Paesi terzi armi per un importo totale di 26 miliardi di euro.

I deputati ritengono che la posizione comune del Consiglio, che precisa le regole sull'esportazione di armi, non sia stata applicata rigorosamente e sia stata interpretata incoerentemente ed evidenziano l'assenza di controlli indipendenti e sanzioni in caso di violazioni. Inoltre, gli Stati membri dovrebbero includere criteri nazionali più vincolanti.

Per il Parlamento, la trasparenza e il controllo pubblico del quadro di controllo delle esportazioni devono essere potenziati. I deputati invitano gli Stati membri a fornire informazioni dettagliate, attraverso un reporting standardizzato, su ogni licenza rilasciata.

Infine, la relazione annuale sulle esportazioni di armi da parte dell'UE, in futuro, dovrebbe essere rilanciata come una banca dati pubblica e interattiva.

Un provvedimento che viene accolto positivamente anche da Francesco Vignarca, coordinatore della Rete italiana per il disarmo, che evidenzia come «l’Europa ha già lo strumento del codice di condotta europeo che pur non avendo valore vincolante, ha alcuni importanti standard utili per la stesura della relazione sugli export degli armamenti. Il codice ha il forte limite della uniformità della reportistica per cui ogni Stato decide quali informazioni fornire secondo i tempi che ritiene più opportuno».

Vignarca aggiunge che «il voto del Parlamento europeo è un passaggio importante perché fa emergere alcuni elementi legati al disarmo svincolandoli dall’esclusiva rivendicazione della società civile. Un voto che sarà tanto più importante», conclude il Coordinatore della rete disarmo, «se servirà ad accelerare il processo che renda vincolante per gli Stati il codice di condotta così come in Europa è avvenuto per molti altri codici che regolamentano moltissime materie comunitarie».



I vostri commenti
6
scrivi

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo