logo san paolo
domenica 25 agosto 2019
 
Unioni gay
 

Si dice unioni di fatto si legge matrimonio

27/03/2015  Il testo base Cirinnà sulle unioni civili a cui la Commissione Giustizia del Senato ha dato il via libera equipara di fatto matrimonio e unioni. Adozioni a parte.

(Thinkstock)
(Thinkstock)

“Le parole "coniuge", "coniugi", "marito" e "moglie", ovunque ricorrano nelle leggi, nei decreti e nei regolamenti, si applicano anche alla parte della unione civile tra persone dello stesso sesso”. E’ molto chiaro il cosiddetto testo base Cirinnà sulle unioni civili a cui la Commissione Giustizia del Senato ha dato il via libera. Al di là delle lunghe spiegazioni e riferimenti ad articoli di diverse leggi e all’esclusione della possibilità di adottare (peraltro facilmente aggirabile ricorrendo a varie forme di procreazione assistita e poi alla cosiddetta stepchild adoption) la definizione costituzionale del matrimonio viene diluita e riletta, come si usa fare ultimamente con molte leggi, secondo le interpretazioni personali e secondo le “mode” del momento che vogliono tra l’altro la parificazione assoluta tra matrimonio e unioni di fatto anche tra omosessuali.
 Ma attenzione, chi è contrario a questo testo non mette in discussione i diritti individuali delle persone che devono essere garantiti a tutti indipendentemente dallo status personale: pensiamo al riconoscimento di diritti quali l’assistenza sanitaria o penitenziaria o a quello di poter rimanere ad abitare nella casa comune. Ma quel che non è accettabile – se la Costituzione vuol dire ancora qualcosa -  è ridurre realtà diverse a parole uguali, dunque l’equiparazione quasi totale tra matrimonio e unioni. In realtà quello che viene costruito, come ha denunciato ripetutamente il Forum delle associazioni familiari,  è un modello “il più simile possibile al matrimonio dell’art. 29 della Costituzione, in attesa di una totale omologazione per via di sentenze dei vari tribunali, in Italia e in Europa, negando anche quello che la Corte costituzionale ha ampiamente sottolineato, vale a dire che il matrimonio è indissolubilmente connesso, nel nostro quadro normativo fondativo, alla eterosessualità dei coniugi”.
 Lo stesso Forum aveva lamentato lo scarso interesse che ha raccolto durante le audizioni sulla proposta il parere di tante associazioni impegnate quotidianamente a fianco delle famiglie e ha espresso la delusione nel constatare che  “ancora una volta, con queste modalità, la politica voglia fare le proprie scelte non ascoltando il Paese, ma sulla testa del Paese, o dando voce solo ad alcuni soggetti minoritari”, mentre “alla famiglia, quale nucleo fondante della società, deve essere riconosciuto il ruolo preminente di formazione delle nuove generazioni e di fattore di coesione sociale” come sostenuto dalla Costituzione, dal Codice civile e come riaffermato recentemente dalla Corte Costituzionale.

I vostri commenti
10
scrivi

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%