logo san paolo
mercoledì 13 dicembre 2017
 
 

Siamo tutti anche Ahmed

08/01/2015  Un tweet partito dal Libano riporta l'attenzione sul poliziotto trucidato dai killer. Era un musulmano da poco diventato cittadino francese.

Il tweet sul poliziotto Ahmed che sta diventando virale in Rete.
Il tweet sul poliziotto Ahmed che sta diventando virale in Rete.

E' partito dal Libano, sotto forma di un tweet che che ci aiuta a interpretare la tragedia di Parigi molto meglio di tante paginate di giornali. Lo ha spedito un giovane scrittore e possiamo tradurlo così: "Io non sono Charlie, sono Ahmed il poliziotto assassinato. Charlie ridicolizzava la mia fede e la mia cultura e io sono morto per difendere il suo diritto a farlo". 

Come sappiamo, Je suis Charlie ("Io sono Charlie") è diventato il motto della solidarietà internazionale ai giornalisti e ai disegnatori del Charlie Hebdo uccisi a Parigi, e la bandiera della rivolta alla violenza bestiale dei terroristi islamici. Il tweet su Ahmed, però, ricorda a tutti che molto spesso le nostre libertà sono apprezzate, vissute e difese anche da persone venute da lontano, e disposte persino a morire per esse.

Il poliziotto Ahmed, un musulmano che era da poco diventato cittadino francese, non ha esitato ad affrontare i killer. Se ci viene spontaneo ritenerci, in questi giorni di lutto, "tutti Charlie", non dovrebbe essere difficile sentirsi, con la stessa spontaneità, anche "tutti Ahmed".

Multimedia
Islam, le matite dalla parte di Charlie Hebdo
Correlati
Parigi, l'assassinio del poliziotto ferito
Correlati
Islam, le matite dalla parte di Charlie Hebdo
Correlati
I vostri commenti
7
scrivi

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo