logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2019
 
 

Somalia, all'arrembaggio dei pirati

12/10/2011  Un blitz delle forze speciali britanniche ha liberato l'equipaggio della Montecristo, sequestrata dai pirati nel golfo di Aden. Da mesi, altri 5 italiani sono ostaggi su un'altra nave.

La "Montecristo" ė stata liberata e i 23 membri dell'equipaggio sono sani e salvi. Un sequestro lampo, quello della nave dell'armatore livornese D'Alesio: il blitz coordinato dalle forze di pattugliamento antipirateria anglo-americane è riuscito alla perfezione. C'è però, un'altra imbarcazione italiana che si trova ancora nelle mani dei pirati somali, ormai da molti mesi: la "Savina Caylin" con 22 membri di equipaggio, dei quali 5 italiani. Il sequestro risale addirittura all'8 febbraio scorso e i membri dell'equipaggio sono ancora nelle mani dei loro rapitori. Tra agosto e settembre i familiari hanno lanciato ripetuti drammatici appelli alla liberazione, preoccupati oltre che dal protrarsi del sequestro, anche dall'apparente situazione di stallo delle trattative per il rilascio.

 La facciata di Palazzo San Giacomo, sede del Municipio di Napoli, con lo striscione lungo circa dieci metri che mostra le foto dei marinai della 'Savina Caylin', ostaggio da  mesi dei pirati somali (foto Ansa).
La facciata di Palazzo San Giacomo, sede del Municipio di Napoli, con lo striscione lungo circa dieci metri che mostra le foto dei marinai della 'Savina Caylin', ostaggio da mesi dei pirati somali (foto Ansa).

Il fenomeno della pirateria - peraltro mai del tutto debellato, ci sono diversi "punti caldi" nel pianeta dove gli episodi non sono rari - è tornato di grande attualità proprio per la moltiplicazione dei sequestri di navi e imbarcazioni di ogni genere nel tratto di mare compreso fra il basso Mar Rosso, il Golfo di Aden e la costa somala. Protagonisti, sempre, i pirati somali: piccole bande ben equipaggiate e armate, dotate di veloci motoscafi d'altura e di una buona rete di protezione a terra. È uno dei frutti malati della ventennale guerra civile somala: alcune di queste bande sarebbero formate da quegli stessi miliziani che in altri momenti avevano servito questo o quel "signore della guerra" somalo, oggi riconvertiti alla più redditizia atività di pirateria.

Secondo alcuni osservatori, i forti proventi di questa attività criminale avrebbero portato alcune bande a mettersi in rete, con forme di alleanze e complicità interclaniche che renderebbero molto più complicate le trattative e la liberazione dei sequestrati. Il fenomeno, naturalmente, preoccupa la comunità internazionale, anche perché rende insicura una rotta commerciale strategica com'è quella che passa dal canale di Suez e dal Mar Rosso per sbucare nell'oceano Indiano: il 27 aprile scorso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto a tutti i Paesi membri di introdurre nuove norme nelle rispettive legislazioni per punire con maggiore durezza la pirateria.

Dall'11 ottobre, sessanta militari della Marina sono pronti per essere imbarcati sui mercantili italiani in transito nei mari a rischio di arrembaggio, in base al protocollo firmato tra il Governo e Confitarma. 

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo