logo san paolo
venerdì 24 novembre 2017
 
Personaggi
 

Storia di un matrimonio bionico

16/10/2017  Sembra la trama di un film, la loro vicenda, con un lieto fine: ecco come Daniela e Michele, il "Dj bionico", hanno coronato il loro amore

Non vuole ricordare l’incidente. Non ne vuole parlare. Troppi ricordi dolorosi per Michele Specchiale che oggi è l’unico Dj al mondo dotato di braccio bionico all’avanguardia, capace di riprodurre i principali movimenti di una mano: come aprire e chiudere il pugno ma soprattutto unire pollice ed indice per afferrare oggetti sottili, fino a scratchare sulla console, funzioni che lui stesso programma al computer.

La sua storia sembra la trama di un film, con un lieto fine inaspettato. Si, perché Michele – all’epoca giovane studente di ingegneria, appassionato di meccanica e musica – ancora non sa che sulla strada del dolore incontrerà la donna con cui costruirà la sua famiglia.

La storia di Michele e Daniela

Siamo nei primi anni del 2000 e i destini di Michele e Daniela, che oggi hanno 41 e 35 anni, si incrociano nel centro protesi Inail di Budrio, Bologna. Lui viene dalla Sicilia, Grammichele, in provincia di Catania; lei è salernitana, del Vallo di Diano. Michele ha perso un braccio, quello sinistro, lei, Daniela, non ha entrambe le gambe a causa di un’auto che la investe a pochi passi da casa, a 17 anni.
 
Entrambi, a Budrio, sono in attesa delle protesi. Ma nel frattempo si conosco, parlano, si piacciono, e anche molto ma sanno che presto dovranno lasciarsi e che rivedersi non sarà cosa facile. Ma Michele è affascinato da Daniela e inizia a telefonarle, fino a che non decide di lasciare la Sicilia e di raggiungerla nel piccolissimo paese in provincia di Salerno dove vive con i suoi genitori.
 
Ufficializzano il fidanzamento non senza le preoccupazioni dei familiari, finché il loro amore – più forte di ogni disapprovazione – viene coronato con il matrimonio. Michele lascia definitivamente la Sicilia, si trasferisce nel salernitano, acquista un pezzettino di terra dove costruire casa e la loro unione continua fino ad oggi, a dieci anni dalle nozze, insieme alle loro due meravigliose bambine.
 
Michele, attraverso i social, è impegnato in una campagna sociale, di fede in Dio e di speranza per quanti vivono la sua stessa esperienza di vita. Una famiglia speciale ma anche normale, la loro. Michele racconta che in casa non hanno sedie a rotelle, né stampelle grazie alle speciali protesi che i tecnici e i medici del Centro di Budrio hanno costruito per loro. 
 
Lui cura il prato (5.000 metri quadri), coltiva verdure nel suo orto, Daniela bada alle bambine senza aiuti esterni. Ora una scuola di Milano ha offerto a Michele, gratuitamente, un corso di producer a distanza ma la cosa a cui entrambi tengono di più è di poter incontrare Gabry Ponte, noto disc jockey italiano, di cui – da sempre – sono irriducibili fan.

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo