logo san paolo
giovedì 18 ottobre 2018
 
dossier
 

Svolta nel caso Cucchi, un carabiniere confessa

11/10/2018  Uno dei militari imputati, Francesco Tedesco, chiama in causa due commilitoni. In aula i particolari del feroce pestaggio

Colpo di scena a inizio udienza del processo a carico dei cinque carabinieri imputati per la vicenda della morte di Stefano Cucchi, il ragazzo morto in carcere per le percosse subite. Il carabiniere Francesco Tedesco accusa i colleghi  Raffaele D'Alessandro e Alessio Di Bernardo del pestaggio.
Il pubblico ministero Giovanni Musarò ha reso noto un'indagine dopo che uno dei carabinieri imputati, Francesco Tedesco, in una denuncia ha ricostruito i fatti di quella notte. Tedesco ha chiamato in causa due dei militari imputati per il pestaggio. E' stata trovata infatti un'annotazione di servizio in cui il carabiniere riferiva del fatto.

Sotto processo ci sono Alessio Di Bernardo, Raffaele D'Alessandro e Francesco Tedesco, tutti imputati di omicidio preterintenzionale e abuso di autorità, Roberto Mandolini di calunnia e falso, e Vincenzo Nicolardi di calunnia. Al processo Musarò ha esposto le cause del pestaggio secondo la pubblica accusa.Cucchi si sarebbe rifiutato di collaborare sia alle perquisizioni che al fotosegnalamento. E per questo, secondo quanto scrive il pm, il giovane fu colpito «con schiaffi, pugni e calci, fra l’altro provocandone una rovinosa caduta con impatto al suolo in regione sacrale».

Multimedia
','Sulla mia pelle, il film di Alessio Cremoni sul caso Cucchi: il trailer')\">"); } else if (type == 5 || type == 20 || type == 27 || type == 36) { var script = $('#video-nav-5 figure a').first().attr('href').replace(", true", ", false"); eval(script); } fcfn.initSidebarThumbSlider('#video-nav-5', '#pagination-articolo-5', '400'); });
Sulla mia pelle, il film di Alessio Cremoni sul caso Cucchi: il trailer
Correlati
I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo