logo san paolo
sabato 23 giugno 2018
 
8 marzo
 

Tra falsi storici e tradizioni italiane, perché si festeggia la donna

08/03/2017  L'origine della ricorrenza non risale come comunemente si crede per ricordare il rogo di una fabbrica negli Stati Uniti in cui morirono centinaia di donne, ma all'iniziativa di una esponente del partito socialista americano che, approfittando dell'assenza dell'oratore uomo designato, parlò a favore dei diritti delle donne. La mimosa, invece, è una tradizione tutta italiana

Le origini della Festa della donna risalgono ai primi anni del '900, quando iniziò ad essere festeggiata per la prima volta negli Stati Uniti. Ma l'evento a cui si fa risalire la ricorrenza è un falso storico. L'8 marzo si ricorderebbe la morte di 134 camiciaie uccise nel rogo di una fabbrica l'8 marzo del 1911. In realtà l'incendio avvenne in febbraio e a seconda dei Paesi cambiano le date, i luoghi e il numero delle vittime. In realtà la festa della donna nacque negli Stati Uniti come il 'Woman's Day', il giorno della donna, il 3 maggio 1908, quando durante una conferenza del Partito socialista di Chicago, la socialista Corinne Brown prese la parola, approfittando delll'assenza dell'oratore ufficiale designato, discutendo dello sfruttamento operato dai datori di lavoro nei confronti delle operaie e delle discriminazioni sessuali subite in termini salariali e di orario di lavoro.

Alla fine dell'anno il Partito socialista americano raccomandò a tutte le sezioni locali di riservare l'ultima domenica di febbraio 1909 all'organizzazione di una manifestazione in favore del diritto di voto femminile. Negli Stati Uniti la prima e ufficiale giornata della donna fu celebrata il 23 febbraio 1909 e verso la fine dell'anno, a New York, scioperarono ventimila camiciaie. Un segnale decisivo per la popolazione femminile. Il successivo 27 febbraio alla Carnegie Hall, tremila donne celebrarono ancora il Woman's Day. Dopo la manifestazione del 1909 negli Stati Uniti, alla Seconda Conferenza internazionale delle donne, organizzata nel 1910 a Copenaghen, si discusse di istituire una festa ufficiale, senza però stabilire una data precisa. L’anno successivo, il 19 marzo, venne festeggiata da oltre un milione di donne in Svizzera, in Danimarca, negli allora Impero austroungarico e Impero tedesco

Mentre negli Usa la festa continuò a essere celebrata a fine febbraio, alcuni paesi europei come Germania, Austria e Svizzera, iniziarono a festeggiare la giornata della donna il 19 marzo. La prima festa della donna celebrata l'8 marzo fu l'8 marzo del 1914, forse perché quel giorno cadeva di domenica. Durante gli anni della guerra, le celebrazioni furono interrotte, fin quando l'8 marzo 1917, a San Pietroburgo, le donne guidarono una grande manifestazione che rivendicava la fine della guerra. Manifestazioni e proteste esplosero in tutto il paese, portando al crollo dello zarismo. L'8 marzo 1917 rimase nella storia a indicare l'inizio della Rivoluzione russa di febbraio, una data scelta anche dalle donne durante la seconda conferenza internazionale delle donne comuniste nel 1921, fiche fissarono all'8 marzo la 'Giornata internazionale dell'operaia'.In Italia la Giornata internazionale della donna si tenne per la prima volta nel 1922, per iniziativa del Partito comunista d'Italia, che la celebrò il 12 marzo, prima domenica successiva all'8 marzo.

Il 16 dicembre 1977, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite propose a ogni Paese di dichiarare un giorno all'anno la 'Giornata delle Nazioni Unite per i diritti delle Donne e per la pace internazionale' e di comunicare la decisione presa al Segretario generale. L'Assemblea riconobbe l'8 marzo, che già veniva festeggiato in diversi paesi, come la data ufficiale.

Quanto alla scelta della mimosa come fiore simbolo della celebrazione, questa risale all'8 marzo 1946, quando, con la fine della guerra, l'8 marzo venne festeggiato in tutta Italia. Tre donne iscritte all'Unione donne italiane (Udi) Rita Montagnana, Teresa Noce e Teresa Mattei , proposero di usare questo fiore come simbolo in quanto la mimosa fiorisce proprio nei primi giorni di marzo ed è anche poco costosa, facilmente reperibile.
 

Multimedia
Gli auguri del vescovo di Lecce alle donne
Correlati
Gli auguri del vescovo di Lecce alle donne
Correlati
Dieci sante per l'8 marzo
Correlati
I vostri commenti
6
scrivi

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo