logo san paolo
lunedì 17 dicembre 2018
 
politica
 

Trionfano Lega e Cinque Stelle, l'Italia ingovernabile

05/03/2018  Tracollo del Centrosinistra. Ribaltati i rapporti di forza nel Centrodestra: ora a dare le carte è Salvini.

Non si può dire che l’esito delle elezioni abbia lasciato dubbi sui vincitori e sui vinti. A trionfare sono i Cinque Stelle, che vendemmiano ovunque, da Nord a Sud (ma nel Meridione è un cappotto al di là delle aspettative) e la Lega di Salvini. Luigi Di Maio porta il Movimento, che nel 2013 aveva raccolto il 25,6 dei consensi, fin dove si era prefisso e anche oltre. Il suo obiettivo era raggiungere il traguardo del 30% e non solo l'ha centrato ma lo ha anche superato. Anche Fratelli d'Italia cresce: pure Giorgia Meloni ha raddoppiato i suoi voti dal 2013 (quanto ottenne meno del 2%) portandosi nelle proiezioni per il Senato al 4.

Il segretario del Carroccio può dare le carte nella coalizione di destra che si accredita come una delle due forze politiche chiamate a governare (insieme ai grillini). I rapporti di froza tra Berlusconi e Salvini si sono ribaltati a favore di quest’ultimo. La Lega ha quadruplicato i voti dal 2013. Tra gli sconfitti, oltre al partito Liberi e uguali di Grasso, bersani e D’Alema c’è il Pd di Renzi, che già parla di opposizione e di dimissioni da segretario.

Il quadro che ne esce è però quello di un’Italia ingovernabile, come hanno fatto notare tutti i siti esteri, dal New York Time a le Figaro. Non si delinea una maggioranza capace di tradursi in forza di governo. Che succederà ora? Il primo ostacolo per il Paese è la turbolenza dei mercati. I due movimenti che hanno vinto le elezioni sono fortemente critici nei confronti dell’Europa, per usare un’eufemismo. La stessa marine Le Pen ha scritto che l’Europa ha passato una brutta nottata diopo gli esiti del voto elettorale italiano.

I vostri commenti
274
scrivi

Stai visualizzando  dei 274 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo