logo san paolo
lunedì 14 ottobre 2019
 
In famiglia
 

Trovare il proprio posto con un fratello disabile

09/09/2015  Una famiglia con due figli di cui uno, il più piccolo, disabile. Il maggiore prova insofferenza e genitori pensano che ciò sia collegato alla loro particolare condizione famigliare. E' così? La risposta dello psicoterapeuta.

Abbiamo due figli. Il secondo è nato con un problema congenito ed è un disabile motorio. Questo ha molto condizionato la nostra vita familiare. Il maggiore, che ora ha 13 anni,

a volte mostra insofferenza nei nostri confronti e forse si vergogna anche di suo fratello. Si arrabbia spesso e fa delle scenate per un nonnulla. Mi chiedo se ciò sia correlato alla nostra specifica condizione familiare. Come potremmo aiutarlo?

                Sandra

 

Cara Sandra, il tuo primogenito si trova all’ingresso dell’adolescenza, fase di sviluppo che gli richiede di staccarsi gradualmente dai legami famigliari per trovare il proprio posto nel mondo. Nel suo caso, questa operazione di “sgancio” può risultare molto complessa. Per più motivi.

Andare nel mondo, per lui, potrebbe significare sentirsi in colpa, perché vi lascia lì, voi due genitori con il fratello disabile. Da quando è piccolo, probabilmente voi lo avrete coinvolto in più modi per rinforzare il legame e la relazione con il fratellino. Ora, lanciarsi nel mondo fuori, potrebbe da lui essere vissuto come un tradimento. Non solo verso il fratello, ma anche verso di voi che, da quanto scrivi, avete adattato la vostra vita, priorità e abitudini anche in funzione della disabilità del secondo figlio.

È  molto importante che voi aiutiate il ragazzo a non sentirsi “intrappolato” in un copione familiare che deve permettere a entrambi i figli di poter diventare ciò che vorranno e potranno essere. Per esempio, proponetegli un’esperienza in cui dovrà partire senza di voi, magari un campus estivo dell’oratorio o una vacanza studio per imparare una lingua straniera.
Un altro tema importante per vostro figlio  alle soglie dell’adolescenza è quello della vergogna, proprio come scrivi tu. Chissà quante volte si è sentito dire: «Ah, tu sei il fratello di» oppure di fronte a un invito a una festa avrà dovuto verificare se poteva portare anche il suo fratellino.

Durante l’infanzia, questo è successo in modo spontaneo e senza troppe implicazioni
e conseguenze. Ma, ora, è differente. Perché il tuo primogenito vuole capire chi è veramente e vuole diventare sé stesso e non solo il fratello di suo fratello. Anche in questo caso sarà molto utile che voi lo aiutiate a fare le sue prove di volo verso l’adultità, senza farlo sentire in colpa o senza vincolare le sue attività con gli amici ai bisogni familiari.

Solo se si sentirà libero di poter essere sé stesso, poi potrà in modo più adulto sentirsi fratello di suo fratello
e questa volta per sua libera scelta e non perché è ciò che voi vi aspettate da lui. Ti consiglio di leggere Siblings. Essere fratelli di ragazzi con disabilità di A. Farinella (Erickson ed.), un libro che fa davvero tanta chiarezza su questo tema.

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%