logo san paolo
sabato 23 febbraio 2019
 
Adolescenti & famiglia
 

Il padre tradisce, la mamma soffre e il figlio prova rabbia

31/07/2017  Un ragazzo di 16 anni ci scrive comunicando la sua rabbia nei confronti del padre che ha tradito la mamma. Ecco la risposta di Mariateresa Zattoni e Gilberto Gillini, consulenti e formatori, genitori di 5 figli.

Ho 16 anni e piango: mio padre ha tradito mia madre, l’ho saputo da lei che piangeva disperata. E poi hanno fatto pace, dicono. Ma io non ci credo. Non stimo più mio padre, non gli rivolgo più la parola e quell’ingenua di mia madre gli sorride... Che rabbia! Ma perché doveva capitare proprio a me?

MARCO

Lasciaci dire, caro sedicenne, che la tua rabbia prende posto nel nostro cuore. Hai ragione di sentirti ferito, furente: papà e mamma non dovrebbero lasciarsi sorprendere nei loro segreti coniugali. Tu hai assistito a scene “sporche”: in camera da letto dei tuoi succede il finimondo, mamma urla (“sta male”), tu hai pensato che lui (tuo padre) è un vigliacco, un traditore, un mentitore. La mamma ha scoperto frasi di sesso nel cellulare di suo marito, si sente tradita, furiosa, gli dice le cose più tremende. Tu ascolti tutto, senti fin nelle ossa la sofferenza di tua madre. E giuri in te stesso che vuoi vendicarla, che tuo padre non è più degno di stima. Dentro di te gli prometti odio, tanto è il dolore di tua madre. Poi i due si riappacificano: lui abbandona l’avventura, le chiede perdono e adesso si tengono per mano, ripromettendosi di lasciarti dai nonni per la settimana di Ferragosto. Loro si sono ritrovati e tu sei “perduto” dietro la tua rabbia. Ma è proprio qui che finiscono le tue ragioni! È vero, ti hanno tirato dentro la loro vita di coppia, ma questo non è un buon motivo perché tu ti eriga a giudice: la mamma – dici – è un’ingenua e papà è un “traditore a vita”. La mamma ha dichiarato stop alla guerra e tu continui la guerra a oltranza. Non ti viene il sospetto che nessuno (nemmeno tua madre) te l’abbia chiesto? Nella tua lettera così furiosa, tu ci racconti con belle immagini (di sicuro sei un campione al liceo!) quanto i tuoi ti abbiano deluso e immaginiamo seriamente che molti genitori dovrebbero leggere la tua lettera... Però devi imparare a stare al tuo posto. Quando chiedi: «Ma perché doveva capitare proprio a me?!», sbagli prospettiva: non è capitato a te, ma alla moglie di tuo padre. Un tradimento coniugale è appunto coniugale e i figli non dovrebbero sentirsi... “coniugati” con i propri genitori! Loro rimangono i tuoi genitori e il tradimento (ripetiamo) coniugale sta in capo a quell’uomo che è un marito. Per dirla in breve: sono affari loro e tu impara a goderti la tua vita! Anzi, la tua serenità sarebbe un vero aiuto per tua madre!

Oggi puoi leggere GRATIS Famiglia Cristiana, Benessere, Credere, Jesus, GBaby e il Giornalino! Per tutto il mese di agosto sarà possibile leggere gratuitamente queste riviste su smartphone, tablet o pc.

I vostri commenti
8
scrivi

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo