logo san paolo
sabato 23 febbraio 2019
 
La lettera
 

Se un marito dice di amare la figlia, ma ama di più la cocaina

03/08/2017 

Il mio compagno si fa di coca: è un dirigente di una multinazionale; «la vita mi costa cara», dice. Ci sono settimane in cui non passa giorno senza sniffare, anche se – secondo lui – a dosi minime. Abbiamo una bambina di cinque anni che lui ama moltissimo... Ma mi chiedo se questo suo comportamento possa nuocerle.

ADELE

— Che ne diresti, cara Adele, se tuo marito tenesse in un cassetto una pistola carica?! Nella tua lettera, rigorosamente anonima (tu scrivi al giornale e siamo disposti a giurare che Adele non sia il tuo vero nome!) ci dai molte informazioni, tranne dove il tuo compagno tenga le “riserve”, poiché – tu dici – lui ha un “fornitore” una volta a settimana. Una bimba di cinque anni è naturalmente curiosa: e se un giorno trovasse in un cassetto, magari ben nascosta secondo il padre, una bustina di polvere bianca e... la assaggiasse? Apri gli occhi, cara Adele: questo è un pericolo prossimo; ma vi sono pericoli di fondo ben più pesanti. Lui è uno che dice di amare moltissimo la figlia e non è vero. Ripetiamo: non è vero. Lui ama tremendamente sé stesso: dice che “deve” essere all’altezza della sua professione, che tutti (leggi: le persone importanti) fanno così, che una sniffatina “classica” (altro termine da lui usato) non è niente, lo tiene soltanto un po’ su di giri. Ci racconti che lui è diventato sempre più irascibile, nervoso, insofferente, che basta un niente per farlo esplodere, anzi tu dici di averne paura... Tanta paura. Ringrazia la coca! Tu lo supplichi di smetterla e lui ribadisce in modo arrogante (parole tue) che tu non capisci niente, che i soldi che guadagna lui a te fanno comodo. E che l’unica che lo calma è la bambina che dorme nel lettone in mezzo a voi. Aiuto! Prova a sostituire il verbo “amare” vostra figlia con il verbo usare! La state usando come “tampone” di un malessere che ormai non riuscite più a dominare: siamo veramente preoccupati per questa piccola innocente. È urgente che tu ti rivolga ai servizi sociali del tuo territorio: anzi, metti per iscritto, come hai fatto con noi in modo anonimo, la situazione. Con un tuo scritto i servizi non possono non intervenire: però, poiché tu temi le sue furiose reazioni, fallo da un posto sicuro, per esempio casa dei tuoi genitori. Oppure rivolgiti a un centro “protezione donna” che esiste nel tuo territorio (che tu non ci dici quale sia). È urgente proteggere la bambina. Che non ha fatto niente di male!

Oggi puoi leggere GRATIS Famiglia Cristiana, Benessere, Credere, Jesus, GBaby e il Giornalino! Per tutto il mese di agosto sarà possibile leggere gratuitamente queste riviste su smartphone, tablet o pc.

I vostri commenti
9
scrivi

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo