logo san paolo
domenica 16 giugno 2019
 
Udienza generale
 

«Una società è civile solo se rispetta gli anziani»

04/03/2015  Abbandonarli è "un peccato mortale", gli anziani non sono "scarti". Il forte richiamo di papa Francesco sull'importanza dei nonni.

Abbandonare gli anziani è “peccato mortale”, perché non sono “scarti”.
Papa Francesco parla dei nonni nell’udienza del mercoledì, che dedica da alcune settimane alla famiglia. Legge un testo e inserisce a braccio molte frasi con particolare severità.
E perché tutti capiscano cosa vuol dire scartare gli anziani fa un esempio: “Una volta da bambino la nonna ci raccontava la storia di un nonno anziano che nel magiare si sporcava perché non poteva portare bene il cucchiaio alla bocca con la zuppa. Il figlio, cioè il papà della famiglia, aveva deciso di spostarlo dalla tavola comune e ha fatto un tavolino in cucina, così non faceva brutta figura quando gli amici venivano a pranzo o a cena. Pochi giorni dopo trovò il figlio piccolo che giocava con legno, martello e chiodi. 'Cosa fai?'. 'Faccio un tavolo, papà, per averlo quando tu diventi anziano, così puoi mangiare li”. I bambini”, ha quindi commentato hanno più coscienza di noi”.

Il Papa ha spiegato che una “civiltà” è tale “se c’è attenzione per l'anziano, se c’è posto per lui: questa società andrà avanti perché sa rispettare la saggezza, la sapienza. Ma se per gli anziani non c'è posto, se sono scartati, perché creano problemi, questa società porta con sé il virus della morte”.
Poi ha aggiunto che “in Occidente gli studiosi presentano il secolo attuale come il secolo dell'invecchiamento, i figli diminuiscono e i vecchi aumentano, questo sbilanciamento ci interpella, anzi è una grande sfida per la società contemporanea, eppure cultura del profitto insiste a far apparire gli anziani come un peso e una zavorra: non solo non producono, ma sono un onere, ed è brutto vedere gli anziani scartati”, ha detto il papa a braccio, “è cosa brutta ed è peccato. Non si osa dirlo apertamente, ma lo si fa “ è “c’è qualcosa di vile in questa assuefazione, siamo abituati a scartare la gente, perché vogliamo abolire la paura della fragilità, ma così facendo aumentiamo negli anziani la angoscia di essere abbandonati”.

Ha anche citato Benedetto XVI che “in visita ad una casa per anziani ha avuto parole chiare e profetiche”: “La qualità della civiltà di una società si giudica da come sono trattati gli anziani e dal posto loro riservato nel vivere comune”. Bergoglio a questo punto ha commentato: “ Se in una civiltà c’è attenzione e posto per l'anziano, quella civiltà andrà avanti, perché sa rispettare la saggezza, la sapienza; ma se gli anziani sono scartati perché creano problemi, questa società porta con sé il virus della morte”. Si è riferito anche ai progressi della medicina, che allungano la vita, ma ha ammonito non altrettanto “la società si è allargata alla vita” e così “il numero degli anziani si è moltiplicato ma le nostre società non si sono organizzate abbastanza per fare posto a loro con giusto rispetto e concreta considerazione per la loro fragilità e dignità”. Infatti fino a quando “siamo giovani siamo indotti a ignorare la vecchiaia, come fosse una malattia, una malattia da tenere lontano, ma quando siamo anziani, specialmente se poveri, soli, malati, sperimentiamo la luce di una società programmata sulla efficienza”.
Bergoglio ha parlato più volte degli anziani in questi due anni di pontificato, ma mai ha avuto toni tanto severi.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%