logo san paolo
giovedì 23 novembre 2017
 
 

Vaccini sì, vaccini no. La verità della scienza

08/10/2015  Polemiche sulle vaccinazioni sono esplose recentemente negli Usa dopo che alcuni bambini sono stati contagiati dal morbillo a Disneyland. Obama e la Clinton ricordano: «Non ci sono ragioni per non vaccinarsi». Intanto, in Italia il ministro Lorenzin e l'istituto superiore della sanità denunciano il calo delle vaccinazioni obbligatorie. per i bambini, e anche l’Istituto superiore di Sanità lancia l’allarme.

E' diventato uno scontro politico il caso di un gruppo di bambini che, in gita al parco dei divertimenti di Disneyland, California, sono stati contagiati dal morbillo. Di chi è la colpa se la malattia,che sembrava sconfitta già da quindici anni, torna a colpire? Per il presidente Obama, la responsabilità è dei genitori che rifiutano di vaccinare i figli, in nome di una presunta pericolosità del vaccino detto Mmr, quello che protegge da morbillo,parotite e rosolia. Per i suoi avversari del Partito repubblicano, occorre invece difendere la libertà di scelta dei cittadini. Così hanno affermato Chris Christie e Rand Paul, probabili candidati alle presidenziali del 2016. Christie, governatore del New Jersey che ha quattro gli e li ha tutti vaccinati, ne fa una questione di principio: la decisione spetta solo alle famiglie. Sicuro delle sue convinzioni è Paul, laureato in Medicina: «I vaccini possono provocare disturbi mentali».

Intervengono nello scontro eminenti scienziati, con un deciso “vaccini sì”, e oppositori politici che sostengono la facoltà di scelta dei genitori. Obama lancia un appello: «Ci sono tutte le ragioni per vaccinarsi e nessuna per non farlo. Un grande successo della nostra civiltà è la possibilità di prevenire malattie che in passato hanno devastato la popolazione». Il riferimento era a —flagelli oggi debellati e basti citare il solo esempio della poliomielite.

Il fronte del no ai vaccini è forte anche da noi. Lo denuncia Beatrice Lorenzin, ministro della Salute: «Il calo delle vaccinazioni obbligatorie per i bambini, dall’antitetanica all’antipolio, è un serio problema». La conferma arriva dall’Istituto superiore di Sanità:«Preoccupa il calo delle coperture medie nazionali per quasi tutte le vaccinazioni, soprattutto per le quattro obbligatorie contro polio, tetano, difterite, epatite B».Da citare inne il tweet di Hillary Clinton:«La scienza è chiara, la terra è rotonda, il cielo è blu e i vaccini funzionano».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo