logo san paolo
martedì 15 ottobre 2019
 

10 ottobre 2010

 - 
1. La sesta domenica “dopo il martirio” di san Giovanni il Precursore      


Mette in rilievo la continuata presenza del Signore nella sua Chiesa mediante la missione affidata ai suoi “inviati”. Il Lezionario prevede i seguenti brani della Scrittura: Lettura: 1Re 17,6-16; Salmo 14; Epistola: Ebrei 13,1-8; Vangelo: Matteo 10,40-42. Il Vangelo della Risurrezione, da proclamare nella Messa vigiliare del sabato, è preso da Luca 24,13b.36-48. Le orazioni e i canti per la Messa sono quelli della XXVIII domenica del Tempo “per annum” del Messale ambrosiano.    


2. Vangelo secondo Matteo 10,40-42     

In quel tempo. Il Signore Gesù disse: 40«Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato. 41Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto. 42Chi avrà dato da bere anche solo un bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».    


3. Commento liturgico-pastorale
     

Il brano evangelico segna la conclusione del “discorso della missione” (Matteo 10,5-42), incentrata sull’accoglienza degli inviati per la predicazione del Vangelo. In particolare il v 40 riporta un “detto” di Gesù rivolto proprio agli apostoli, suoi inviati, nei quali si fa presente lui stesso e, tramite lui, colui che lo ha “mandato”, Dio!    
Il v 41 contiene il “detto” di Gesù rivolto a quanti accolgono i suoi messaggeri promettendo loro la stessa “ricompensa” data a essi. Il v 42, infine, riferisce la promessa della “ricompensa” a quanti accoglieranno “questi piccoli” ossia poveri, perseguitati, emarginati, proprio perché suoi “discepoli”.    
I testi biblici di questa domenica convergono nell’evidenziare come è Dio stesso e, di conseguenza, il Signore Gesù a farsi presente nel suo popolo e ora, nella Chiesa, attraverso il servizio “missionario” compiuto da qualificati suoi “invitati”.    
I medesimi testi sono inoltre concordi nel sottolineare l’esigenza di “accogliere” tali “inviati”. Essi, in realtà, come i profeti, preparano la venuta di Gesù Cristo, il Figlio “mandato” dal Padre o, come nel caso degli apostoli, sono mandati da Gesù a predicare il suo Vangelo di salvezza a partire dalla comunità stessa del Signore, dalla Chiesa.    
Alla Chiesa Gesù insegna ad “accogliere” i suoi messaggeri, ovvero quanti prolungano la sua presenza, con un’accoglienza che non si limiti alla pura ospitalità, per quanto premurosa, ma con un’accoglienza che dica accettazione del messaggio che essi trasmettono. 
  
La Sacra Scrittura ha in grande onore e pone in grande rilievo l’“ospitalità” accordata specialmente ai servi di Dio. La Lettura, in proposito, propone l’esempio della «vedova di Sarepta di Sidone» che non esita ad accogliere il profeta Elia e a mettere a sua disposizione tutto quanto le era rimasto per sopravvivere con suo figlio (1Re 17,12).     Anche l’Epistola sottolinea, con riferimento all’accoglienza riservata da Abramo ai tre misteriosi personaggi presso le querce di Mamre (Genesi 18,1-4), come alcuni praticando l’ospitalità «senza saperlo hanno accolto degli angeli» (Ebrei 13,2), ovvero, messaggeri celesti. Nei messaggeri e inviati a portare la Parola i credenti sono perciò esortati da Gesù ad “accogliere” lui stesso e colui che lo ha inviato Dio il Padre.
   
Tale ospitalità verso i suoi messaggeri è a Dio molto gradita. Egli non lascerà senza “ricompensa” anche i più semplici e umili gesti di accoglienza come offrire «anche solo un bicchiere d’acqua fresca» soprattutto ai “piccoli” ossia a quei membri della comunità che trasmettono la sua Parola e rendono al vivo la persona del Signore Gesù non tanto con la predicazione ma con la loro stessa vita contrassegnata da povertà materiale e da marginalità.    
La vedova di Sarepta come “ricompensa” dell’ospitalità data a Elia ottenne che la «farina della giara non venne meno e l’orcio dell’olio non diminuì» (1Re 17,16). Di lei e di suo figlio si prese cioè cura Dio stesso come fece con il profeta Elia per il quale dispose che “i corvi” gli portassero mattina e sera “pane e carne” (1Re 17,6).  
 
Chi accoglie il messaggero del Vangelo sia esso un “profeta”, un “giusto”, ovvero “uno di questi piccoli” che la lettera agli Ebrei individua nei “carcerati” e nei “maltrattati” (Ebrei 13,3), in quanto “discepoli” e, perciò, immagine di Gesù maltrattato e rifiutato come inviato del Padre, riceverà la “ricompensa”. 
  
Questa consiste nella premurosa vicinanza di Dio da lui stesso assicurata: «Non ti lascerò e non ti abbandonerò» (v 5) e così espressa nel Salmo 4: «Il Signore fa prodigi per il suo fedele; il Signore mi ascolta quando lo invoco», ma specialmente  nella partecipazione alla salvezza e alla vita divina che è la ricompensa spettante ai “profeti”, ai “giusti” e a “questi piccoli”.


06 ottobre 2010

 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 78,00 € 52,80 - 32%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%