logo san paolo
martedì 21 novembre 2017
 

Digiunare per lo ius soli

C'è chi non si rassegna alla messa in mora dello ius soli (ma sarebbe più corretto chiamarlo ius culturae). Il 13 ottobre, insegnanti, studenti e genitori, insieme al movimento #italiasenzacittadinanza scenderanno in piazza per chiedere l'approvazione della legge mentre oltre 70 parlamentari, artisti e intellettuali come Alessandro Bergonzoni, Andrea Segre, Ascanio Celestini faranno lo sciopero della fame. Ieri anche il ministro dell'Infrastrutture Graziano Delrio ha aderito allo sciopero mentre la presidente della Camera Laura Boldrini non lo esclude. "Io non ho pensato di fare lo sciopero della fame - ha detto a 'Un giorno da pecora' - ma ci penso. Non lo ho ancora deciso". Risposta un po' sibillina, perchè lo sciopero della fame o si fa o non si fa. Aspetttiamo.

Onore invece a Delrio, che aderirà all'iniziativa senza se e senza ma. E' la prima volta che un rappresentante del Governo fa uno sciopero della fame nei confronti del Governo stesso. Un'iniziativa inedita, pannelliana, "mite" la definisce lui, ma coerente ed efficace: "Dopo tante parole urlate, sullo ius soli è giunto il momento della riflessione. È il tempo forse di parlare coi gesti, far capire alla gente in modo mite e non violento ", ha detto il ministro delle Infrastrutture nell'aderire in questo sciopero a staffetta proposto dal senatore Luigi Manconi, a capo della Commissione diritti umani. Finchè c'è legislatura c'è speranza insomma, anche se il tempo ormai sta per scadere.

 


05 ottobre 2017

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo