logo san paolo
giovedì 22 febbraio 2018
 

Parroci che tolgono l'amicizia su Facebook

Vorrei sapere cosa ne pensate di un parroco (e del suo vice) che predicano l’insegnamento di Gesù di riportare nel gregge le pecore smarrite e che nella loro quotidianità tolgono l’amicizia su Facebook ai fedeli che frequentano la loro chiesa ma che non sono nelle “loro grazie” perché non condividono i loro pensieri e modi di agire. Cosa dovrebbero fare i fedeli non sentendosi più accolti/graditi in questa parrocchia?

ANGELO

Facebook permette di restare in contatto e di interagire con tante persone. Può essere anche un valido strumento per la pastorale, mettendo in contatto il parroco con i fedeli. Talvolta, però, è un’arma a doppio taglio. Ci sono persone che attraverso questo social network esprimono il peggio di sé. Così può capitare che, per non dover rispondere a tono e peggiorare la situazione, alcuni decidano di “togliere l’amicizia”. Se una scelta di questo genere è fatta da un parroco può essere male interpretata, sembrando l’allontanamento di una “pecorella smarrita”. Non so, caro Angelo, se nelle scelte dei preti che tu citi ci sia questa motivazione o ce ne siano altre. Rimane comunque la domanda: che cosa fare? Penso che se un prete decide di utilizzare Facebook dovrebbe sempre mantenere uno stile mite e accogliente e non “infiammare” le discussioni. Lo stesso dovrebbe fare ogni cristiano. Per tutti i fedeli, in particolare se ci si è sentiti non accolti o graditi, vale poi la pena di avviare un confronto e un dialogo di persona, faccia a faccia. Sempre in modi civili e garbati.


25 gennaio 2018

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo