logo san paolo
mercoledì 19 dicembre 2018
 

Solo cattive notizie: ma il bene è davvero in via di estinzione?

Caro padre, è vero che giornali e Tv spesso enfatizzano le cattive notizie. Lo fanno per motivi di audience, ben sapendo che l’essere umano è morbosamente attratto da fatti di sangue e violenza, beninteso quando questi riguardano gli altri. Sarebbe però assurdo che fossero taciuti o minimizzati i tanti, troppi accadimenti criminosi che sono una drammatica costante di questa nostra società. Il bene senza dubbio esiste, ma è un qualcosa in via di estinzione, tutelato dal WWF al pari della banchisa polare e della foca monaca. Bisogna andarlo a cercare, con non pochi sacrifici e sotto la spinta di profonde motivazioni interiori. Il male invece lo trovi dappertutto, senza bisogno neppure di cercarlo, perché è lui che ti cerca e spesso ti trova.

Questa è la realtà. Se poi vogliamo pascerci di favolette e storielle edificanti, nessuno ci vieta di farlo.

SALVATORE RUSSO

È vero, il male esiste, constatiamo anche dentro di noi, e i mezzi di comunicazione ce lo raccontano in continuazione. Ma non dobbiamo nemmeno cadere nell’estremo opposto, cioè pensare che il bene sia solo una merce rara. È un inganno. Il bene esiste, eccome. Solo che non fa notizia, viene dato per scontato o semplicemente sottaciuto. Giornali e Tv ci danno spesso un’immagine parziale del mondo e rischiano di farci diventare addirittura cinici. La realtà, che raccontiamo in gran parte delle nostre pagine, è piena di persone buone, generose, di bellezza e di amore. Come direbbe papa Francesco, non lasciamoci rubare la fiducia nell’umanità, la speranza in un mondo migliore. Da costruire anche con il nostro contributo.


23 febbraio 2018

I vostri commenti
8
scrivi

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo