logo san paolo
lunedì 23 settembre 2019
 

Israele: assassinati tre ragazzi, uccisa la pace

Le candele accese in piazza Rabin, a Tel Aviv, per onorare la memoria dei tre ragazzi assassinati (Reuters).
Le candele accese in piazza Rabin, a Tel Aviv, per onorare la memoria dei tre ragazzi assassinati (Reuters).

E così Eyal Yifrah, 19 anni, Gil-Ad Shayer, 16, e Naftali Yaakov Frenkel, 16 anni, sono stati uccisi subito, 18 giorni fa, appena dopo essere stati rapiti mentre facevano l’autostop a poca distanza da Hebron, in Cisgiordania. E’ un esito crudele che non arriva, però, inatteso: purtroppo era impossibile credere che i rapitori potessero tenere prigionieri per così tanto tempo i tre ragazzi in una zona militarizzata, già fortemente controllata dalle forze di sicurezza di Israele e nelle ultime settimane passata al setaccio.

Dall’annuncio, dato poche ore fa, è lecito attendersi una sola cosa: una nuova ondata di violenza. Le avvisaglie ci sono tutte: in Cisgiordania sono già scoppiati violenti scontri tra i palestinesi e i soldati israeliani, e d’altra parte durante le ricerche dei ragazzi sono stati uccisi quattro palestinesi. Gli arrestati sono centinaia. Il Governo di Israele accusa apertamente Hamas e molti suoi esponenti invocano una spedizione punitiva sulla Striscia di Gaza, quando non lo “sradicamente definitivo” del movimento.

Sarà peraltro ovviamente impossibile, in caso di rappresaglia, misurare al centimetro l’applicazione della violenza. E altrettanto impossibile trattenere, alla minima “esagerazione”, il rancore dei palestinesi della Cisgiordania, magari estranei o addirittura ostili a Hamas ma da lungo tempo esasperati da un’occupazione israeliana che non solo non si allenta ma erode di continuo le loro terre. Sarà utile ricordare che proprio poco prima del rapimento il Governo Netanyahu aveva dato il via libera alla costruzione di altre 1.300 unità abitative in Cisgiordania. Altri insediamenti come quello verso cui stavano tornando i tre poveri studenti israeliani prima di essere trucidati.

 

Morto il negoziato di pace, se mai fosse davvero nato. Morto il Governo palestinese unitario Al Fatah-Hamas e con esso la speranza di portare anche gli estremisti di Hamas a rinunciare al dogma della distruzione di Israele. Prevedibile il congelamento degli assetti attuali. Il bellicoso Netanyahu, con i terroristi in casa sotto forma di assassini di ragazzi e appena fuori casa sotto forma di jihadisti siriani, terrà la poltrona ancora a lungo. Il torpido ma insidioso Abu Mazen resta al centro della scena palestinese, in Cisgiordania e oltre.

Considerazioni banali, conseguenze inevitabili di un gesto orrendo. Tutto molto prevedibile da parte di chi ha voluto assassinare Eyal, Gilad e Naftali. Non dovrebbe essere difficile capire chi aveva interesse a ottenere questi risultati.


 

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

01 luglio 2014

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%