logo san paolo
martedì 23 maggio 2017
 

Ma l'Islam vuole la pace?

Due settimane fa, ho letto su Famiglia Cristiana (n. 36/2013), la lettera della lettrice Pia, con la quale mi trovo perfettamente d’accordo. La sua risposta è stata chiara e argomentata ma, a mio parere, aveva un grave limite: gli interventi da lei citati vengono tutti dal Papa e dalla Chiesa, che hanno anche chiesto perdono per le colpe dei cristiani contro i seguaci dell’islam. Sarebbe interessante sapere, invece, chi tra le guide spirituali dell’islam dei nostri giorni parla a favore della pace, del dialogo e della tolleranza. Se ci sono, hanno seguito e ascolto tra le masse? Io credo che quelle parole di tolleranza e di pace da lei citate siano oggi patrimonio di tutti i sacerdoti cattolici e fatte proprie dalla maggioranza dei cristiani. È così anche nei Paesi islamici?
M.B.

Purtroppo, paghiamo lo scotto di un’informazione che sull’islam, come sugli immigrati, dà un quadro solo e sempre negativo, raccontando episodi e atti terroristici che riguardano frange estremiste minoritarie, non rappresentative di tutto il mondo islamico. Poco si scrive, invece, di un incontro come quello della settimana scorsa a Roma, organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio, dove i più importanti imam del mondo hanno pregato e condiviso impegni a favore della pace assieme ai rappresentanti di tutte le religioni. Di recente, papa Francesco, nel messaggio per la fine del Ramadan, ha ricordato l’importanza di un legame più stretto tra cristiani e musulmani.


10 ottobre 2013

Discussione collegata
I vostri commenti
15
scrivi

Stai visualizzando  dei 15 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo