logo san paolo
martedì 20 febbraio 2018
 

«San Giuseppe: marito o sposo castissimo? Non è proprio la stessa cosa»

Di recente nella Messa della mia parrocchia un sacerdote ha detto che san Giuseppe è il “marito” di Maria, mentre altri sacerdoti dicono che è il suo “castissimo sposo” (che è quello che ho sempre sentito in passato). C’è un motivo teologico per questo cambiamento? È un’evoluzione della liturgia?

LUIGI

Probabilmente il sacerdote di cui parli ha voluto modernizzare la parola “sposo”, prevista dalla liturgia, con il termine “marito”. Un cambiamento inutile, visto che il termine sposo si capisce benissimo.

Dal punto di vista etimologico, marito fa riferimento alla parte maschile della coppia, sposo indica la promessa matrimoniale. Il termine “castissimo” si trova nella famosa acclamazione eucaristica «Dio sia benedetto», ma non è usato nella liturgia, che parla di «custode, uomo giusto, sposo di Maria, servo saggio e fedele, posto a capo della santa famiglia, per custodire, come padre, il Figlio di Dio».

San Giovanni XXIII ha fatto inserire il nome di san Giuseppe nel canone romano e nel 2013 lo stesso papa Francesco ha voluto che fosse menzionato anche nelle altre preghiere eucaristiche.

La formula, per esempio, della terza preghiera eucaristica è la seguente: «Cum beatissima Virgine, Dei Genetrice, Maria, cum beato Ioseph, eius Sponso, cum beatis Apostolis (tradotto in italiano: «Con la beata Maria, Vergine e Madre di Dio, con san Giuseppe suo sposo, con i tuoi santi apostoli»)».


24 novembre 2017

I vostri commenti
51
scrivi

Stai visualizzando  dei 51 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo