logo san paolo
martedì 11 dicembre 2018
 

Si può essere credenti ma non praticanti?

Onestamente non ne posso più di sentire persone che affermano d’essere credenti ma non praticanti. È, forse, una moda? Gente comune, artisti, esponenti politici sono tutti concordi nel dire: «Credo in Dio, ma non pratico la religione». Bene direi, anzi no male! Mi chiedo: ma come, sei credente e non partecipi alla Santa Messa, dove Dio si rende presente nell’Eucaristia? È un po’ come dire: mi sento cittadino italiano, però evito di pagare le tasse. Poveri noi! Che considerazione potrà avere di noi chi professa un’altra religione? Tanta super€cialità non giova al popolo cattolico. È più onesto un ateo, perlomeno non fa il doppio gioco.

PAOLO - Lodi

Se la fede non si traduce in un’esperienza di vita per aver incontrato non una dottrina ma una persona, cioè Gesù, tutto resta in superficie. E va a far parte di quel corredo esistenziale fatto di abitudini e tradizioni, privo di radici e convinzioni. Rischio che corre anche chi dice d’essere credente e si professa praticante, quando trasforma la religione in una consuetudine. Si va, allora, a Messa o ci si sposa in chiesa perché così fan tutti. Il vero cristiano testimonia con la vita la propria fede.


09 ottobre 2016

I vostri commenti
135
scrivi

Stai visualizzando  dei 135 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo