logo san paolo
venerdì 19 luglio 2019
 

«Troppo facile invocare il nome di Dio per fare il male»

La bandiera del Califfato sulle macerie poco fuori da al-Alam, in Iraq (Reuters, 2015)
La bandiera del Califfato sulle macerie poco fuori da al-Alam, in Iraq (Reuters, 2015)

Caro padre, un mio collega, ateo militante, sostiene che il bello di Dio sta nel fatto che ognuno può affermare di agire e parlare in suo nome o addirittura chiamarlo a testimone di solenni giuramenti senza timore di essere smentito. «Dio lo vuole!», proclamavano i Crociati prima di abbandonarsi alle ben note nefandezze. «Allah è il vero Dio, morte agli infedeli», rispondevano quegli altri rendendo pan per focaccia. In epoche più recenti, come non ricordare il «Gott mit uns» dei nazisti o il mussoliniano «Dio stramaledica gli inglesi». I quali, a loro volta, invocano l’Onnipotente affinché salvi il re o la regina. Pure i loro cugini d’oltreoceano si rivolgono a Dio perché benedica l’America. Quella stessa America che i terroristi islamici vorrebbero ridurre in cenere. «Inshallah », ovviamente!

SALVATORE RUSSO

Mi ricordo di aver letto anni fa una frase attribuita ad Abramo Lincoln: «Non dite mai che Dio è dalla nostra parte, ma piuttosto pregate che noi possiamo trovarci dalla parte di Dio». La strumentalizzazione di Dio e della religione è una pratica diffusa in ogni tempo e in ogni luogo. Per questo bisogna sempre diffidare di chi si proclama vero interprete della volontà divina. E rigettare chi in nome di Dio giustifica discriminazioni e violenze, fisiche e verbali.

Nella Dichiarazione firmata ad Abu Dhabi da papa Francesco e dal grande imam di al-Azhar, si chiede con forza che tutti «cessino di strumentalizzare le religioni per incitare all’odio, alla violenza, all’estremismo e al fanatismo cieco», e che «smettano di usare il nome di Dio per giustificare atti di omicidio, di esilio, di terrorismo e di oppressione». Noi cristiani dovremmo avere sempre davanti agli occhi Gesù, immagine del Padre, che ci ha svelato il vero volto di Dio, quello della misericordia, dell’amore «fino alla fine», fino a dare il proprio Figlio per tutti noi.


24 aprile 2019

I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%