logo san paolo
sabato 23 giugno 2018
 
Chiesa e Fede Aggiornamenti rss
 
la scheda

A chiamare in Vaticano Francesca Immacolata Chaouqui come membro della commissione papale per il riordino delle finanze vaticane fu mons. Lucio Angel Vallejo Balda, 54 anni, spagnolo, membro della Sociedad sacerdotal de la Santa Cruz, fratellanza che riunisce i sacerdoti diocesani legati alla prelatura dell’Opus Dei. Appena nominata, fu al centro di uno scandalo legati ad alcuni tweet al veleno su Benedetto XVI e il cardinale Bertone

dossier

L'arcivescovo di Torino invita a mantenere la morte nella dimensione della condivisione, con la sepoltura nei cimiteri, senza cedere alla sua «commercializzazione».

VATILEAKS

I provvedimenti frutto dell'inchiesta sul trafugamento di documenti riservati della Santa Sede. In manette monsignor Lucio Angel Vallejo Balda e Francesca Immacolata Chaouqui (rilasciata perché ha collaborato). Secondo l'agenzia Ansa, papa Francesco è stato informato dei provvedimenti dalla giustizia vaticana e ha dato la sua approvazione.

Le domande della fede

A cosa servono le messe di suffragio? I defunti rispondono alle nostre preghiere? Le risposte alla domande sulla fede poste dai bambini.

Verano

Celebrando tutti i Santi, il Papa ha ripercorso le Beatitudini, eaaltando i "poveri in spirito".

La sindaca Manuela Carmena vorrebbe togliere la Natività dal Municipio perché "non è solo dei cattolici". Poi fa marcia...

Don Matteo Zuppi

Quinto figlio di una famiglia numerosa, già assistente della Comunità di Sant'Egidio e vescovo ausiliare di Roma, è il nuovo arcivescovo di Bologna. Succede al cardinale Carlo Caffarra. La storia della sua vocazione.  Il cardinale Alfredo Ildefonso Schuster, papa Paolo VI, monsignor Oscar Romero, e poi, i poveri, gli ultimi, il mondo: nostra intervista. 

Mons. Zuppi

"Credo che la Chiesa abbia avuto poco coraggio di cercare delle priorità". Così il nuovo arcivescovo di Bologna, in un convegno organizzato dalla rivista Jesus, definiva il nuovo atteggiamento della Chiesa di papa Francesco. 

Il teologo

Matrimoni religiosi tra confessioni cristiane differenti, tra religioni differenti e tra credenti e non credenti. Sono validi tutti allo stesso modo?

Il Pontefice incontra un gruppo di pellegrini del Salvador e parla dell’arcivescovo ucciso nel 1980 e beatificato lo scorso maggio. «Fu lapidato con la pietra più dura del mondo: la lingua da parte dei suoi fratelli nel sacerdozio e nell’episcopato», ha detto, «non parlo per sentito dire ma sono stato  testimone delle calunnie»

Un'arrampicata vera, per lo chi lo vuole, che rimanda all'ascesa spirituale nel nome di Pier Giorgio Frassati. Appuntamento in...

A Madrid, nell'ambito del V centenario della nascita di Santa Teresa, il Congresso internazionale organizzato dalla Fondazione...

Udienza

«Perseverate in fedeltà al Vangelo e alla Chiesa». Oltre 30 milioni di ascoltatori nel mondo; una presenza diffusa in 70 Paesi; migliaia di volontari negli studi. I responsabili delle emittenti che legano il loro nome alla Madonna ricevuti da Bergoglio. Padre Livio Fanzaga: «Ho detto al Papa che stiamo preparando una Radio Maria web in arabo per i cristiani perseguitati».

La ricerca

Questo lo spaccato che emerge dalla ricerca promossa dall'Istituto Toniolo, da oggi in libreria per Vita e Pensiero. «Non si tratta di una generazione incredula e senza Dio», spiega la curatrice Rita Bichi, «ma in ricerca, con scarsa conoscenza della dottrina, una pratica precaria e la fiducia in papa Francesco come una personalità in grado di rinnovare il messaggio e risollevare la Chiesa dagli scandali».

Udienza interreligiosa in piazza San Pietro dedicata al 50° anniversario della dichiarazione conciliare Nostra Aetate e al dialogo con ebrei e musulmani. «Nonostante il rischio di deviazioni fondamentalistiche o estremistiche», ha detto Francesco, «le fedi sono sorgenti di speranza». E lancia un appello anche ai non credenti in vista del Giubileo: «Lavoriamo insieme nelle opere di carità» 

Palermo e Bologna

Per i capoluoghi della Sicilia e dell'Emilia Romagna, il Papa ha scelto due protagonisti della difesa degli ultimi, vicini ai poveri. Al cardinale Romeo succede don Corrado Lorefice, parroco a Modica. Al cardinale Caffarra, Matteo Zuppi, già ausiliare della diocesi di Roma

Instancabile animatore e compagno di strada di rom, drogati e senzatetto, don Matteo, nominato vescovo ausiliare di Roma nel 2012, è molto conosciuto a Trastevere, sede del quartiere generale della Comunità di Sant’Egidio, dove è tornato dopo l’esperienza come parroco nel quartiere periferico di Torre Angela

Il ritratto

Corrado Lorefice, 53 anni, parroco di San Pietro a Modica e vicario episcopale della diocesi di Noto, è il successore del cardinale Paolo Romeo alla guida dell'arcidiocesi siciliana. Un outsider voluto dal Papa per la sua vicinanza ai poveri e agli ultimi e in prima fila nella lotta al racket della prostituzione in Sicilia

dossier

Monsignor Marcello Semeraro fa il bilancio di tre settimane di intenso lavoro: «La dottrina è conservata, ma si affrontano i problemi con maggior rispetto della realtà umana, fragile e complessa».

L'iniziativa

Dal dialogo con gli ultimi alla "Chiesa del grembiule", dai gesti profetici nei confronti dei poveri all'eredità del Concilio Vaticano II, il vescovo di Molfetta sembra aver anticipato lo stile pastorale del Pontefice "venuto dalla fine del mondo". Se ne discuterà il 31 ottobre in un dibattito con mons. Vito Angiuli, vescovo di Ugento-Santa Maria di Leuca e il direttore di "Famiglia Cristiana", don Antonio Sciortino

Pubblicità
 
Multimedia
Edicola San Paolo