logo san paolo
martedì 21 novembre 2017
 
Chiesa e Fede Aggiornamenti rss
 
Santa Marta

«È la festa degli Arcangeli e papa Francesco nella Messa celebrata venerdì mattina a Santa Marta traccia un identikit di ognuno di loro e spiega qual è la loro missione: noi e gli angeli, dice, «siamo, per così dire, “fratelli” nella vocazione»

le nomine

Nel capoluogo salentino lascia monsignor Domenico D’Ambrosio e arriva monsignor Michele Seccia, vescovo di Teramo, che entrerà in diocesi il 3 dicembre prossimo. Per Gubbio e Mondovì il Papa ha scelto due sacerdoti: don Luciano Paolucci Bedini, rettore del Pontificio Seminario regionale di Ancona, e don Egidio Miragoli, parroco della chiesa di Santa Francesca Cabrini a Lodi

la festa

Nella tradizione cristiana è colui che combatte e sconfigge Satana. Ecco perché è stato proclamato protettore delle forze dell'ordine da Pio XII nel 1949 in omaggio alla “lotta” che il poliziotto combatte tutti i giorni al servizio dei cittadini. Nello stesso giorno la Chiesa festeggia anche gli Arcangeli Raffaele, soccorritore, e Gabriele, annunciatore
Credete nell'esistenza di angeli e arcangeli?

Cei

Il segretario dei vescovi italiani: «Continuo a chiedere che alla famiglia fatta di padre, madre e figli venga data almeno la stessa attenzione, la stessa caparbietà che si è posta per affrontare altri tipi di convivenze»

 

Santa Marta

È una grazia «sentire che la coscienza ci accusa, ci dice qualcosa». Il rimorso di coscienza è «una piaga che noi quando nella vita abbiamo fatto dei mali, fa male». Ma «è una piaga nascosta, non si vede; neppure io la vedo, perché mi abituo a portarla e poi si anestetizza... E da lì la tentazione di coprire questo per non sentirlo più»

l'intervento

Il teologo don Maurizio Gronchi, consultore del Sinodo sulla famiglia e docente alla Pontificia Università Urbaniana, interviene sulla “correzione filiale” a Francesco: «Iniziativa singolare e senza fondamento. Il buon cristiano non ha bisogno di correttori di bozze quando legge il Magistero della Chiesa»

Mimmo Muolo

Lavare i piedi, stringere le mani, guardare negli occhi. Papa Francesco, con i suoi gesti, fa magistero. In un libro appena uscito il vaticanista Mimmo Muolo esamina la gestualità di questo Pontefice, che come motto ha scelto un’azione di Gesù: «Fissatolo, lo amò»

Il Papa a Cesena

I coniugi della Comunità Giovanni XXIII accoglieranno persone in difficoltà. E il Papa farà loro visita il 1° ottobre

il papa

Francesco all’udienza aderisce alla campagna lanciata da Caritas internazionale #ShareJourney e spiega: «Cristo stesso ci chiede di accogliere i nostri fratelli e sorelle migranti e rifugiati con le braccia ben aperte»

il papa

Francesco nella premessa alla “Bibbia dei giovani” lanciata dal gruppo editoriale San Paolo: «Oggi ci sono più cristiani perseguitati che all’epoca delle origini della Chiesa. Perché portano una croce e rendono testimonianza a Gesù. La Bibbia quindi è un libro estremamente pericoloso». E rivela: «Prego seduto perché mi fa male inginocchiarmi»

Il Teologo

«Agli incontri di preghiera di Assisi fra le varie confessioni e gruppi religiosi, c’erano i Testimoni di Geova? E, se no, perché?» Risponde il Teologo

santi

Francese originario della Guascogna, sacerdote a 19 anni, fondò i Preti della Missione (Lazzaristi) e insieme a santa Luisa de Marillac, le Figlie della Carità nel 1633. Per lui la regina di Francia “inventò” il Ministero della Carità e lui organizzò l’aiuto ai poveri su scala nazionale

Santi

Noti anche come Santi Medici, erano anàrgiri, cioè prestavano servizio gratuitamente. Secondo un’antica tradizione subirono il martirio a Ciro in Siria durante il regno di Diocleziano e il loro culto si diffuse in tutta la Chiesa fin dal IV secolo

milano

Mario Delpini fa il suo ingresso ufficiale in Diocesi e invita tutti a collaborare per il bene della città: «Sono qui per dire che tutta la terra è piena della gloria di Dio. Non disperate dell’umanità, dei giovani di oggi, della società così come è adesso e del suo futuro: Dio continua a seminare la vocazione ad amare...»

Angelus

Il Papa, all'Angelus, ricorda che la salvezza è gratuita, dono di Dio e non nostro merito

la storia

La testimonianza di un generale, contenuta nella Positio che ha portato alla canonizzazione, racconta delle misteriose apparizioni del Santo durante la Seconda guerra mondiale. Così San Giovanni Rotondo venne risparmiata. Nessun ordigno fu sganciato.

Pubblicità
 
Multimedia
Tutti Video Foto
Edicola San Paolo