logo san paolo
lunedì 20 febbraio 2017
 
Di cosa parliamo Aggiornamenti rss
viaggio nel tempo in Tv

Parlano i giovani protagonisti del programma di Rai 2: ragazzi e ragazzi di oggi catapultati nel 1960 dove, tra severissimi sorveglianti e rigidi insegnanti, sono stati costretti a dimenticare per un mese i loro smartphone per studiare sui programmi per la licenza media di allora.

La fiaba che fa discutere

Nel teatro comunale di un paese del Bolognese si vuole mandare in scena per i ragazzi delle scuole medie uno spettacolo del palermitano Giuliano Scarpinato, che racconta la storia di un bambino, Alex, che qualche giorno è maschio, e altri giorni è femmina. Perché, come recita il copione, ha un "terzo sesso".

Scuola, tempo di iscrizioni

Sono soltanto 60 minuti a settimana. Ma non si tratta solo di religione: è un'ora di cultura, di orientamento, preziosa in ogni senso perché può aiutare credenti e non credenti a capire il senso della vita. Lo dice il cardinal Bagnasco. E lo spiega con parole semplici un insegnante di Milano, Angelo Bertolone, su Facebook e nel suo blog "Religion Hour".

Comunità salesiane

Il primo fu a Valdocco, oltre un secolo e mezzo fa. Sono 16 mila i salesiani, dei quali 10 mila sono sparsi nei cinque continenti. Ecco la realtà delle missioni don Bosco: 1.775 oratori, oltre 1.000 scuole e acquedotti, lebbrosari, dispensari medici. Ma i missionari vanno anche “dietro le sbarre” o a fare centrali idroelettriche a 4 mila metri

Battesimi

Papa Francesco battezza 28 bambini nella cappella Sistina e, ai genitori, dice: «Fate crescere la fede nei vostri figli perché diano testimonianza anche a noi preti e vescovi. La fede è luce, è affidamento a Dio».

Emergenza maltempo

L'ultima vittima del freddo, che imperversa ancora con gelo e neve in tutta Italia, è un pensionato di 81 anni, Nando Molteni,...

Istruzione

«Mio figlio quest’anno andrà alle scuole superiori e la scelta non è semplice. Un’amica di famiglia ci ha detto che in Internet si trovano anche le recensioni delle scuole fatte da privati. Io sono rimasto stupito e mi chiedo se ci sia da fidarsi». Facciamo chiarezza...

Il mondo è pieno di figli. Figli immeritati, che magari non sai vedere. Quella che vi raccontiamo è l'ultima (bella) storia di questo Natale: quando una parola semplice basta a creare un incontro...

Epifania

Il Papa ricorda, nella messa dell'Epifania, che, come i magi,i cristiani devono andare nei luoghi "più reconditi della storia, in frontiera, in periferia, per potersi incontrare col Signore". Ricordandosi che Dio non nasce nel grande Palazzo dove il potere è venerato, temuto, ma non amato, ma nella piccola Betlemme. Per farci liberi e felici.

Udienza

"Il peggio che potrei fare è proporvi un sermone", dice Francesco ai terremotati ricevuti in udienza. E poi parla dei cuori feriti e della vicinanza che ridà speranza

Cultura

Linguista, professore emerito di Storia della Lingua italiana, già ministro dell'Istruzione, Tullio De Mauro è scomparso a 84 anni. Amava la lingua italiana e la insegnava con passione, tenendo sempre a mente il lato civile della lingua come strumento di democrazia. Nell'intervista che ripubblichiamo, rifletteva con noi, nel 2013, sul rischio di diventare un popolo sempre più somaro e dunque sempre meno sovrano

Colloqui col Padre

Pubblichiamo una lettera arrivta in redazione: «Sicuramente l’onestà o la bontà di una persona non derivano automaticamente dal credo che professa. Questo, però, non giustifi„ca il fatto che si lasci entrare in Italia gente di ogni risma, stupratori», assassini e spacciatori». Don Sciortino risponde al nostro lettore. Tu cosa ne pensi? 

Che cosa si può fare?

Secondo l'indagine di Legambiente in Italia sono 32 le città ad aver superato nel 2016 i livelli di Pm10 per più di 35 giorni all'anno. Dopo il capologuo piemontese, con 86 giorni di sforamenti, vengono Frosinone (85) e Milano (73).  Un decalogo sulle buone pratiche per sconfiggere lo smog

Musica

È morto a 92 anni il grande direttore d'orchestra francese. Carisma sul podio e capacità unica di suscitare emozioni attraverso la dimensione incantata della melodia, l'emergere di passioni, sentimenti, sfumature, colori. Indimenticabili il suo Bolero di Ravel e la Carmen di Bizet nella storica incisione discografica con Maria Callas.

Troppa tecnologia

Da un'indagine condotta dal Centro per la Salute del Bambino Onlus di Trieste in collaborazione con l’Associazione Culturale Pediatri risulta che il 60 % dei genitori permette ai propri figli di 2 anni di usare il cellulare di mamme e papà. Questo ingresso precoce della virtualità danneggia il processo di crescita dei bambini, che hanno bisogno di conoscere la realtà con tutti i cinque i sensi

PINO DANIELE DUE ANNI DOPO

Nel secondo anniversario della scomparsa del grande cantautore, la figlia Sara lo ricorda su Istagram con una tenera foto insieme e una lettera commovente. Intanto a Napoli la metropolitana diffonde le sue canzoni.

Pop theology

Il papa inventato da Paolo Sorrentino merita ulteriori riflessioni. C'è da chiedersi se questa figura, equivoca e coinvolgente, sia davvero moderna. Perché è piuttosto una modernità tridentina, che in maniera spesso subliminale bussa alla porta del cristianesimo odierno, invocando un ritorno indietro verso una fede e una chiesa preconciliare e tradizionalista piuttosto che tradizionale. Ma cosa sarebbe oggi la Chiesa cattolica senza il Vaticano II?

Settimana di 4 giorni

Il progetto di legge delle sinistre emiliane è di ridurre in modo facoltativo l’orario da 40 a 32 ore, in modo da lavorare solo e tassativamente 4 giorni la settimana. Il risultato, secondo i promotori dell'iniziativa, porterebbe all’azzeramento totale dell’attuale disoccupazione nella Regione. Ma il taglio allo stipendio in tempi di crisi potrebbe incidere troppo sull’economia familiare.

Una bella favola

Alcuni villaggi congolesi si sono attivati per una raccolta fondi a favore delle popolazioni di Amatrice e Accumoli. Un gesto inaspettato di solidarietà anche per ripagare tutto quanto gli italiani hanno fatto per loro

Ravasi

Una riflessione del cardinal Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura: «Giuseppe portò il bambino in Egitto con Maria per sottrarlo alla furia di Erode. È la stessa vicenda dei rifugiati che approdano alle nostre coste: non dimentichiamolo».

Pubblicità
 
Multimedia
Edicola San Paolo