logo san paolo
mercoledì 26 giugno 2019
 

Sangue di drago


Sangue di drago
Sangue di drago

Scaturisce dall’incisione della pianta del Croton ed è un toccasana per tanti disturbi della pelle.


Nome botanico
Croton Lechleri.

Nome comune
Sangue di drago, termine che si riferisce al liquido rosso, più o meno viscoso, che fuoriesce in seguito all’incisione della corteccia della pianta del Croton.

Famiglia
Euphorbiaceae.

Parti usate
Lattice ottenuto tramite incisione della pianta.

Descrizione
Albero o arbusto sempreverde, con corteccia liscia di colore grigio o bruno o con macchie bianche. Ha una chioma ampia e arrotondata. È tipica del Sud America ed è considerata una pianta pioniera, cioè a rapida crescita: favorisce la rinascita dopo una deforestazione ricostruendo la fore- sta primaria. Il Sangue di drago si ottiene tramite semplice incisione della pianta ed è annoverato tra i prodotti della foresta che non derivano da taglio di legname (No-timber forest product).

Componenti
La composizione chimica del Croton lechleri è alquanto complessa e non completamente definita. I componenti principali sono le proantocianidine, gli alcaloidi e i lignani. In minor quantità sono presenti anche terpenici, fitosteroli e fenoli semplici. L’azione astringente del lattice, nel processo di cicatrizzazione è dato almeno in parte dell’elevata presenza di tannini.

A che cosa serve
Le attività più note del Croton lechleri per somministrazione topica sono quelle cicatrizzante, antiflogistica e antibatterica. L’applicazione sulla cute provoca la formazione di una crosta, una “pellicola” naturale che funge da barriera nei confronti degli agenti esterni. È uno degli ingredienti base di numerosi prodotti per le scottature solari, per favorire la rico- struzione dei tessuti dopo una bruciatura o il contatto con una medusa, e anche per velocizzare la guarigione dell’herpes labiale.

Lo spirito della foresta

Il “dragon” nella mitologia indigena era il grande spirito della foresta amazzonica, spesso immaginato dagli indigeni come un serpente. Il sangue di drago vanta una lunga storia nell’utilizzo tra gli indigeni del Sud America, in particolare di Perù e Ecuador, che oltre agli impieghi già descritti, lo utilizzano come antinfiammatorio e antidiarroico.

Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 78,00 € 52,80 - 32%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%