logo san paolo
lunedì 18 ottobre 2021
 
Padre Girotti
 

Martire nell'inferno del lager di Dachau

26/04/2014  Giuseppe Girotti viene beatificato oggi, ad Alba (Cuneo). Il sacerdote domenicano, apprezzato biblista, aiutò gli ebrei. Fu ucciso pochi giorni prima della fine della guerra. L'attualità di questo testimone della fede e della carità.

«Tutto quello che faccio è solo per carità». Queste sono le parole di padre Giuseppe Girotti per giustificare con il priore del convento di San Domenico a Torino il suo andare e venire carico di pacchi. C’è la guerra, in città i nemici peggiori sono freddo e fame. Padre Giuseppe si prodiga per procurare cibo e vestiti per i poveri. Mesi dopo, con la calata in Italia dei nazisti a caccia di ebrei da mandare nei campi di sterminio, sarà naturale per lui offrire aiuto e asilo ai “fratelli maggiori”.

Uno di questi è un medico. Si chiama Giuseppe Diena,un professore universitario celebre sotto la Mole come il “medico dei poveri”. Vive nascosto in casa di amici. Una spia sa dell’amicizia con il religioso domenicano, avverte la polizia fascista che organizza una trappola e li arresta insieme il 29 agosto 1944. La strada per entrambi è segnata: il lager. Padre Giuseppe finirà i suoi giorni con un triangolo rosso sul petto, a Dachau.  Morirà da solo, forse avvelenato con un’iniezione di benzina, il 1° aprile 1945. È la domenica di Pasqua, mancano poche settimane all’arrivo degli americani.

Padre Giuseppe Girotti viene proclamato beato sabato 26 aprile nella cattedrale di Alba, la città dove nacque il 19 luglio 1905. Lo innalza agli altari il cardinale Giovanni Coppa, anch’egli albese, insieme al vescovo, monsignor Giacomo Lanzetti, il quale nella presentazione di una recente biografia, redatta da Valerio Morello,scrive: «La figura di padre Girotti riserva una forte carica di modernità» per chiunque ne incontri la testimonianza.Un messaggio raccolto negli ultimi anni dall’associazione a lui intitolata, animata da Renato Vai e dal Centro culturale San Giuseppe. Un messaggio che ha fatto breccia anche tra i ragazzi della scuola media Vida-Pertini, i quali guidati da Vincenzo Merlo hanno girato e montato un documentario di grande impatto: Causa dell’arresto: aiuto agli ebrei.

La vita di Giuseppe Girotti si addice poco a un’agiografia. Le testimonianze lo ritraggono vivace, pronto allo scherzo, con un volto da fanciullo. È un uomo di scienza, studioso della Bibbia, che parla con gli umili in dialetto. Prima della guerra visita con regolarità l’ospizio dei Poveri vecchi a Torino. È anche poco rispettoso delle regole di comportamento esteriore. Piccole cose, ma che gli procurano delle noie con i superiori. L’abito è trasandato, non disdegna qualche sigaretta. Ad Alba si racconta che qualche pacchetto non mancava mai di regalarglielo don Natale Bussi,un teologo all’epoca famoso.

Padre Pio Giuseppe Marcato, anch'egli domenicano, docente di Teologia dogmatica e assistente spirituale di tanti gruppi famiglia della diocesi di Torino racconta: «In quegli anni i giovani religiosi volevano ritornare alle primitive regole. Padre Giuseppe vedeva questi aspetti non così essenziali.Né era così puntuale e preciso, come pretendeva una certa mentalità dell’epoca. Andava a curare i vecchietti. Non teneva il cappuccio in testa. Avessimo avuto, però, tanti frati come lui!».

Oggi, com’è ricordato?«Padre Girotti aveva frequentato l’École biblique a Gerusalemme ed era professore di Sacra Scrittura. Nell’edizione Sales della Bibbia, la prima grande traduzione critica in italiano, curò i testi sapienziali e il Libro di Isaia. Al commento e alla ricerca di Girotti su Isaia facciamo ancora oggi riferimento,nei nostri studi; rimane una delle più complete ed è fondamentale».«Essendosi prodigato molto per gli ebrei, nel 1995, a cinquant’anni dalla morte, Israele ha riconosciuto il nostro confratello Giusto tra le nazioni», ricorda padre Marcato. Che sottolinea: «Per noi è un martire della carità. Subito dopo l’arresto fu portato nelle carceri Nuove di Torino, quindi a San Vittore, a Milano,poi nel campo di Bolzano e infine a Dachau. Ammalato di tumore, padre Girotti morì, probabilmente ucciso, il giorno di Pasqua. Così come il Venerdì santo un altro sacerdote era stato crocifisso dai nazisti, in dispregio alla fede».

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%