Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
 

Brasile al tappeto

09/07/2014 

Umiliati e offesi. Ma ancora sportivi. Scolari che abbraccia i giocatori tedeschi dice che si può perdere come nel peggiore degli incubi senza perdere la dignità. La storia del Mondiale non ricorda una partita così, in semifinale poi. La maglia di Neymar, tenuta stretta come una copertina di Linus dai brasiliani all’inno, non fa passare la paura anzi.

Bastano 11 minuti e il primo gol tedesco perché quel pallone, che è da sempre la cifra della danza brasiliana come e prima della samba, diventi improvvisamente, irrimediabilmente straniero.  Al secondo gol i verdeoro sono già 11 belle statuine di sale. Gli altri corrono come cavallette, baciati dal demone dello stadio, fanno correre il pallone come se fosse telecomandato: bum, bum, bum, bum, bum, bum: Julio Cesar il salvatore della Patria viene infilato 5 volte in 19 minuti e non ci può fare niente di niente. Molto peggio di com’è andata a Iker Casillas all’esordio, tutto molto più veloce, più cattivo, più doloroso.

Poteva bastare così, il Brasile era già annientato dopo due o tre gol: tramortito. Sul 5-0 alla fine del primo tempo ce ne sarebbe stato abbastanza per raccogliere i cocci col cucchiaino. Poche volte il calcio ha ricordato il pugilato e il ko come questa notte di furia tedesca e disfatta brasiliana. Forse non era necessario infierire così, continuare a spingere fino a fare male, fino al 7-0.

L’1 di Oscar allo scadere del 90° passerà alla storia come il gol della bandiera più malinconico di tutti i tempi. La rete di una squadra che doveva spaccare il mondo e sul più bello si è sgonfiata come un pallone bucato. Umiliata e offesa, appunto. Di più, arresa. Schiacciata da un avversario troppo forte e troppo feroce. E il difficile viene adesso, fuori dallo stadio.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo