logo san paolo
domenica 20 settembre 2020
 
L'ALTRO MONDIALE
 

Brasile, tutti pazzi per le figurine

17/06/2014  Un pacchetto costa 1 real (lo stipendio medio è di 800 reais mensili). Chi può ne compra a bizzeffe. Altrimenti regna lo scambio. E un brasiliano che tifa Italia se n'è fatta fare una con la sua faccia.

José Eduardo Martins, direttore esecutivo della Panini brasiliana. Foto Reuters.
José Eduardo Martins, direttore esecutivo della Panini brasiliana. Foto Reuters.

San Paolo,
nostro servizio

Accade anche qui, in Brasile. Qualche avvisaglia ci fu già nel 2010, quando - in occasione del Mondiale in Sudafrica, - due persone litigarono per la figurina di Luca Toni: uno dei due ce l'aveva doppia; all'altro gliene mancavano tre per finire l'album, con Toni gliene se sarebbero bastate due. I brasiliani sono fanatici quanto noi delle figurinhas. Vengono fabbricate qui al punto che sull’album verde-oro non appare la scritta “Panini Modena” bensì “Panini Barueri” (una città dello stato di San Paolo), e molti brasiliani sono convinti che siano una loro invenzione. Certo, le figurine dei primi anni Settanta erano più lunghe, si vedeva il corpo dell’atleta per intero:  chi non ricorda la mole del mitico portiere Pizzaballa o i capelli lunghi di Filippi che militava nel Lanerossi Vicenza? Dietro s’intravedeva lo stadio, a volte persino i fumogeni ma, in compenso, non ci si soffermava sui brufoli del mento come invece succede con i primi piani perfetti di oggi.

Lo stabilimento brasiliano dove vengono stampate le figurine Panini per il Mondiale. Foto Reuters.
Lo stabilimento brasiliano dove vengono stampate le figurine Panini per il Mondiale. Foto Reuters.

In Brasile la malattia delle figurinhas del Mondiale colpisce ogni quattro anni con un’intensità crescente tutte le classi sociali, dai figli della classe alta a quelli della “nuova” classe media che spesso vive in favelas. Certo, i primi possono farsi comprare molti più pacchetti dai loro genitori visto che ognuno costa 1 real, pari a circa 30 centesimi di euro, mentre il salario minimo a San Paolo equivale a circa 800 reais e, dunque, nelle zone più povere di figurine se ne vedono meno, ma ci sono e stanno aumentando. La “febbre da figurine”, sia chiaro, non ha colpito solo i ragazzini ma anche gli adulti over 30 e 40 anni che, evidentemente affetti dalla passione, non avendo la scuola come luogo principe per lo scambio dei doppioni, sono costretti a spendere piccoli capitali per completare la collezione.

L’alternativa al dissanguamento è quella di accorrere in luoghi prefissati, soprattutto durante i fine settimana, posti dove altrimenti costoro (compreso il sottoscritto, lo ammetto) non andrebbero mai. La lista dei luoghi dello scambio delle figurine per gli adulti con questo simpatica mania – presenti ovunque, da San Paolo a Rio de Janeiro, da Belo Horizonte a San Luis del Maranhao – è consultabile su Internet al sito www.encontrosfigurinhasdacopa.com. 

Quest’anno la febbre per le figurine mondiali è così forte che c’è persino chi come Marcelo Lemos - non un oriundo ma un supertifoso brasiliano degli Azzuri del remoto stato di Tocantins che chiamerà il figlio che gli sta per nascere “Francesco Totti” (di nome …) – si è addirittura fare una sua figurina su misura, da aggiungere alle collezione (qui il link http://globoesporte.globo.com/to/copa-do-mundo/noticia/2014/06/torcedor-da-italia-no-tocantins-e-escalado-em-album-de-figurinhas.html).

Scambio di figurine a San Paolo.. Giugno 2014. Foto Reuters.
Scambio di figurine a San Paolo.. Giugno 2014. Foto Reuters.


Non è però solo il Brasile ma tutto il Sudamerica a soffrire della “febbre da figurine” e in Colombia, la cui nazionale ha esordito alla grande con un 3 a 0 sulla Grecia, un insegnante della citta di Bucaramanga è finito addirittura sui giornali locali con l’accusa infamante di “confiscare” le figurine ai suoi alunni pro domo sua. Con la scusa di “mantenere l’ordine in classe”, infatti, il docente pare avesse un unico scopo: completare il suo album. Ahi ahi, caro prof... La notizia è finita perfino sull'inglese Guardian.


I vostri commenti
0
scrivi
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%