logo san paolo
mercoledì 07 dicembre 2022
 
 

L'Italia più brutta battuta dal Costa Rica

20/06/2014  Corea, Slovacchia, Costa Rica, si allarga l'elenco delle squadrette che ci umiliano. Una sconfitta meritatissima, con gli azzurri deboli d'idee e di gioco, confusi e disorientati.

Finisce come doveva 1-0. Per loro. Gianni Brera lassù in cielo dove sta, mastica la pipa e promette di andare a badare alle anitre. L'Italia, che la scorsa settimana si è creduta la Spagna per una sera, è la solita Italia, squadra femmina, come diceva Brera nell'era del politicamente scorretto, che si plasma sull'avversario nel bene e nel male e non sa giocare contro le squadre che non costruiscono gioco.

Corea, Slovacchia, Costa Rica... si allunga l'elenco delle nostre maledizioni. La più debole sulla carta, sotto il sole brasiliano, meno leone del previsto, è la prima del girone a punteggio pieno. L'Italia si perde nella colla di un gioco non gioco, con una sola idea in testa e confusa pure quella: passaggini, spesso imprecisi che portano la palla a perdersi, sempre sull'asse centrale, prima di arrivare in area.

Fasce non pervenute, palle agli attaccanti neppure. Anche se a un certo punto ce ne sono quattro schierati in linea invano là davanti. Solo per dieci minuti nel primo tempo è sembrato che Balotelli avesse sui piedi il futuro, il destino. L'ha avuto due volte e sprecato in effetti. E anche questa è la solita maledizione, chi troppo spreca, da buona cicala, alla fine le prende dalla formica sparagnina: un tiro in porta, su paperissima di Chiellini, uno solo, però bastato.

E adesso siamo alle solite, il Mondiale che sembrava in discesa sciolto e rilassato ridiventa roccioso e impervio. La solita montagna di Purgatorio, in cui pagare peccati tutti nostri. L'accidia di una squadra troppo presto arresa, soprattutto. Solo martedì sapremo se alla fine si può salire a riveder le stelle. O se ci aspetta il contrappasso dei pomodori.

Multimedia
Balotelli, un match da dimenticare
Correlati
I vostri commenti
9

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo