logo san paolo
domenica 24 ottobre 2021
 
 

Lo stellone non c'è, l'arbitro neanche

24/06/2014  Il bilancio di un mondiale: un'Italia che non brilla esce al primo turno, per (molti) demeriti suoi, ma anche per qualche (grave) colpa degli arbitri. Prandelli e Abete danno le dimissioni: un sussulto di dignità in un Paese che non conosce questa parola.

E’ ufficiale. L’Italia può sopravvivere a tutto, ma non a un arbitro di nome Moreno. Anche se non è neanche parente dell’omonimo di coreana memoria, ha lo stesso nome e fa pasticci. Caccia Marchisio per un intervento da giallo e non vede Suarez che ha il vizio del morso e addenta come una vipera la spalla di Chiellini. Indisturbato.

Resta un’Italia che subisce troppo, due partite perse su tre, e soprattutto che non tira quasi mai in porta. E’ difficile vincere così, anche andare avanti. Escono i limiti del calcio italiano, che si erano visti anche in Europa: tolto Pirlo, gran classe, ma vicina al capolinea anagrafico - si spera il più tardi possibile -; tolto Verratti che non ha neanche ventuno anni e si batte come un leoncino,  tolto Buffon che è caduto e si è rialzato tre volte su una sola palla provando a fare il salvatore della Patria fino alla fine, il resto non basta.

La testa e il cuore non riescono ad arrivare dove non arrivano le gambe e i piedi. E’ un fatto. Si è sofferto troppo, soprattutto là davanti alla porta avversaria, dove la palla arriva a fatica e troppe volte muore. Si era sognato un mondiale diverso, finalmente allegro, e non ha funzionato. Ma non ha funzionato neanche il fortino di riserva che altre volte ci ha salvati, contando sulla scarica d’adrenalina che ci ha fatto camminare altre volte sull’orlo del buco nero senza caderci. 

Stavolta nel buco siamo precipitati, dopo aver cullato forse troppo l'esordio positivo. Adesso, come è normale che sia per chi ha istituzionalmente la responsabilità del tutto - non dell’arbitro ma questa è un’altra storia - la croce sarà tutta sulle spalle di Cesare Prandelli. Come sempre succede in questi casi sei un eroe se passi il turno contando, se del caso, sul rotto della cuffia e su tutti gli stelloni che il cielo conceda, ma se perdi - che sia o meno responsabilità tua - diventi l’ultimo degli incapaci. Accade nel Paese dei 60 milioni di commissari tecnici.

Sei libero di scegliere, e giustamente te ne assumi il peso. Il problema è che qualche volta la scelta non è tantissima.  E poi bisogna contare quel lungo elenco di accidenti: Montolivo, poi Buffon, poi Di Sciglio, passando per Sirigu, per arrivare a De Rossi. E, dulcis in fundo, l’arbitro Moreno. Gene Gnocchi vent’anni fa aveva tratto ispirazione dallo stellone si Sacchi, non sarà il caso di indagare chi abbia tirato il malocchio a Prandelli, contro il quale neppure il 17 sulle spalle di Immobile nulla ha potuto? 

Ps. Cesare Prandelli (e con lui Abete, presidente della Figc) si è dimesso meno di un'ora dopo la partita, nel Paese in cui non si dimette mai nessuno un segno di rara serietà. 

Multimedia
Italia fuori, la delusione dei tifosi
Correlati
I vostri commenti
5
scrivi

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%