logo san paolo
martedì 09 agosto 2022
 
Salute e diritti umani
 

125 milioni di donne vittime della barbarie

06/02/2014  Un rapporto dell'Unicef racconta la diffusione in Africa e Medio Oriente delle mutilazioni genitali femminili: una pratica barbara e una violazione dei diritti umani

il 6 febbraio è la Giornata mondiale contro le MGF
il 6 febbraio è la Giornata mondiale contro le MGF

Lunedì scorso l'Unicef ha pubblicato un rapporto che chiarisce l'effettiva diffusione e analizza le giustificazioni sociali di una pratica disumana: le mutilazioni genitali. I numeri sono agghiaccianti: 125 milioni di donne e ragazze ne devono subire le conseguenze fisiche e psicologiche. Il rapporto inoltre indica che la pratica continua principalmente per via di una consuetudine sociale, ma la maggior parte delle donne e anche degli uomini vorrebbero porvi fine.

Da tempo si svolge opera di sensibilizzazione su un tema tanto grave: se inizialmente i programmi di intervento erano concentrati principalmente sui rischi sanitari e sulla salute della donna, dal 1993 in poi, quando la pratica è stata classificata come violazione dei diritti umani, sono stati compiuti molti passi in avanti anche dal punto di vista legislativo, e in molti Paesi la pratica è stata vietata dalla legge.

In Africa e Medio Oriente attualmente l'infibulazione è praticata in 29 Paesi e oltre metà delle donne che l'hanno subita, senza anestesia, si concentra in tre nazioni: Etiopia, Nigeria ed Egitto. Risulta quanto meno sorprendente apprendere che in Egitto il 91 per cento delle donne abbia subito mutilazioni –  sono 27 milioni  – e che il 77 per cento di queste si avvenuta presso un medico professionista: quest'aspetto indica quanto radicata sia la pratica e, al tempo stesso, solleva domande di ordine etico sui dottori e le infermiere che la praticano.

Tra i Paesi africani, in cima a questa triste classifica ci sono la Somalia, con il 98 per cento delle donne mutilate, e la Guinea, con il 96 per cento. Al contrario Camerun e Uganda guidano i Paesi virtuosi, con solo l'1 per cento delle donne. Il rapporto Unicef individua comunque dei segnali incoraggianti; in più della metà dei Paesi studiati le mutilazioni femminili sono diventate sempre meno frequenti e, per esempio in Kenia e Tanzania, la percentuale di donne tra i 45 e i 49 anni, che l'hanno subita e che oggi sono contrarie, supera di tre volte quella delle quindicenni.

La ricerca effettuata da Unicef ha rilevato che, nei Paesi dove si pratica l'infibulazione, la maggioranza delle ragazze e donne pensano che la pratica dovrebbe cessare. Inoltre, persino dove essa è ancora molto diffusa, la percentuale di donne che la sostengono è nettamente inferiore a quella di chi l'ha subita. In 11 Paesi dove è stato possibile raccogliere dati, almeno il 10 per cento delle donne mutilate ha detto che non se ne trae alcun beneficio, per arrivare fino al 60 per cento in Kenia.

Ma probabilmente il dato più incoraggiante riscontrato dall'Unicef è il numero elevato di uomini favorevoli alla fine delle mutilazioni. Esse sono state spesso indicate come una manifestazione del controllo patriarcale degli uomini sulle donne, ragion per cui ci si sarebbe aspettati un risultato di segno opposto: al contrario, il rapporto segnala che in Chad, Guinea e Sierra Leone ci sono più uomini che donne contrari alle mutilazioni. Quanto alla convenzione sociale, secondo la quale una ragazza non troverebbe marito senza essere prima mutilata, il rapporto ne ridimensiona la portata: in proporzione poche donne hanno addotto il matrimonio come giustificazione per continuare la pratica.

Sottrarre 30 milioni di bambine e ragazze al rischio di subire mutilazioni genitali è quindi l'auspicio dell'odierna Giornata mondiale contro le MGF. L'istruzione si conferma come la migliore forma di prevenzione.

Per maggiori informazioni consultare il sito: www.unicef.it

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo