Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 21 giugno 2024
 
Influencer mania
 

16 anni, e Chiara Ferragni diventa un'ossessione

04/01/2019 

Mia figlia di 16 anni mi parla in continuazione di Chiara Ferragni: ha seguito con le sue amiche il matrimonio, mi mostra le foto del figlio e del marito rapper. Mi ha fatto vedere le proposte di moda sul suo sito e vorrebbe visitare il negozio di Milano. Ha incominciato a mettere foto sue su Instagram con tutti i vestiti che ha e anche quando si prova capi nuovi nei negozi. Mi sembra un po’ una fissa e magari vuole diventare anche lei così.

MANUELA

Cara Manuela, anticipando i risultati di una ricerca sul più importante motore di ricerca mondiale nel campo della moda, il Financial Times ha recentemente segnalato che Chiara Ferragni, con i suoi 15 milioni e mezzo di followers (cioè di persone che la seguono su Instagram) è la settima influencer al mondo nel settore moda e l’unica italiana tra le americane. Un esempio: avendo indossato un abito di Dior al suo recente matrimonio, ha fatto aumentare del 109% le ricerche di prodotti del marchio. Le proposte di abbigliamento che fa su sito e blog di vendite on line sono seguite da ragazze che un po’ si rispecchiano in lei. E non sono pochi coloro che pensano di poterla emulare postando foto su Instagram. Senza però tenere conto della tenacia e della creatività che questo successo richiede. Perché la Ferragni è anche una ragazza che ha praticato con determinazione per molti anni uno sport e si è diplomata al liceo classico studiando, secondo i biografi, in modo adeguato. In altre parole, il successo non si raggiunge senza metterci impegno e personalità. E di sicuro non si mantiene per anni se è solo il risultato di circostanze fortunate. Con un’adolescente come la figlia di Manuela, forse è meno importante in prima battuta mettere in discussione il modello di vita proposto da queste celebrità, per aiutare invece a riflettere sulle qualità necessarie per raggiungere un obiettivo. La capacità di pensare anziché farsi prendere dagli impulsi più immediati e superficiali, la costanza nello sviluppare le proprie qualità, tante o poche che siano, l’atteggiamento fattivo e ottimista che può modificare un insuccesso in una spinta a migliorarsi: questi sono ingredienti necessari, anche se non sufficienti, perché i sogni giovanili possano prendere corpo. Poi, potremo anche guardare con senso critico lo stile di vita di questi personaggi, fondato sulla ricchezza esibita e sull’apparenza, l’utilizzo degli eventi privati, come la vita di un neonato, per promuovere il proprio “marchio” e, in ultima analisi, sul guadagno. E offrire così anche ai ragazzi infatuati di questi personaggi una proposta di senso. Ma senza pensare di demolirne il mito tanto facilmente.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo