Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 luglio 2024
 
stati uniti
 

Oltre 2 mila arresti nei campus USA dopo le proteste

03/05/2024  L'intervento della polizia ha creato momenti di tensione a New York e Los Angeles. Gli studenti pro Palestina chiedono alle università di interrompere i legami con Israele. Biden: sì alle manifestazioni pacifiche, no alla violenza e all'antisemitismo.

Si respira una relativa calma nelle università degli Stati Uniti dove le proteste studentesche pro-palestinesi nei giorni scorsi hanno provocato occupazioni, scontri e momenti di tensione. La situazione più critica c’è stata alla Columbia University di New York e alla UCLA, l’Università della California di Los Angeles.

Le autorità di tutti gli Stati Uniti hanno intensificato gli sforzi per disperdere le manifestazioni, smantellare gli accampamenti nei campus e porre fine alle occupazioni degli edifici all’interno delle università. In totale sono stati arrestati dal 18 aprile circa 2 mila studenti.Le richieste dei manifestanti pro Palestina sono varie, ma la maggior parte delle manifestazioni ha chiesto agli atenei di disinvestire dalle aziende che sostengono Israele e la guerra a Gaza.

Dopo giorni di silenzio, sulle proteste è intervenuto il presidente Biden. “Non siamo una nazione autoritaria”, ha detto,  “che mette a tacere le persone o schiaccia il dissenso. Il popolo americano viene ascoltato. In effetti, la protesta pacifica è nella migliore tradizione degli americani che rispondono a questioni importanti.

Ma non siamo nemmeno un Paese senza legge.  Siamo una società civile e l'ordine deve prevalere”. Biden ha aggiunto che in America la protesta pacifica è protetta, mentre “la violenza è contro la legge. Distruggere una proprietà non è una protesta pacifica.  È contro la legge. Vandalismo, violazione di domicilio, rottura di finestre, chiusura di campus, cancellazione di lezioni e lauree: niente di tutto questo è una protesta pacifica. Minacciare le persone, intimidirle, incutere loro paura non è una protesta pacifica.  È contro la legge. Il dissenso è essenziale per la democrazia.  Ma il dissenso non deve mai portare al disordine o alla negazione dei diritti degli altri, in modo che gli studenti possano finire il semestre e la loro istruzione universitaria”. Circa la deriva antisemita di alcune proteste, Biden ha dichiarato che “in nessun campus e in nessuna America dovrebbe esserci posto per l'antisemitismo o le minacce di violenza contro gli studenti ebrei.  Non c'è posto per i discorsi d'odio o per la violenza di qualsiasi tipo, che si tratti di antisemitismo, islamofobia o discriminazione nei confronti di arabi o palestinesi americani. È semplicemente sbagliato.  Non c'è posto per il razzismo in America.  È tutto sbagliato. È antiamericano”.

Sulle proteste ha detto la sua anche l’ex presidente Donald Trump, che nelle elezioni presidenziali di novembre sfiderà ancora Biden. “Estremisti e agitatori di estrema sinistra stanno terrorizzando i campus americani. Una rivoluzione della sinistra radicale sta avvenendo nel nostro paese. Dov'è Joe Biden? Dov'è il governatore Newsom? Il pericolo nel nostro paese viene dalla sinistra, non dalla destra”, ha detto Trump lanciando accuse anche al governatore democratico della California, Gavin Newsom”.

Secondo una ricostruzione del Washington Post, le manifestazioni di questi giorni “sono il culmine di mesi di attivismo e di precedenti tensioni nei campus. Le proteste sono iniziate nei campus universitari pochi giorni dopo l'attacco di Hamas a Israele del 7 ottobre. Gli studenti hanno iniziato a organizzarsi intorno a una richiesta particolare: il disinvestimento delle università dai produttori di armi. L'attivismo si è intensificato per tutta la primavera, quando gli studenti hanno adottato tattiche sempre più aggressive, dopo aver dichiarato di aver ricevuto poche o nessuna risposta dagli amministratori”.

La rivolta è stata poi amplificata, secondo il quotidiano,  “dai social media e dagli smartphone, che hanno permesso agli studenti di comunicare rapidamente tra loro e di replicare le tattiche in modi impensabili per i precedenti movimenti universitari.

Storici come David Cortright, professore emerito dell'Università di Notre Dame, affermano che le manifestazioni sono già paragonabili a molti altri grandi movimenti di protesta degli ultimi 60 anni, tra cui la campagna per la fine dell'apartheid in Sudafrica e le manifestazioni di Occupy Wall Street del 2011 contro l'avidità delle aziende”.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo