Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
le celebrazioni
 

«Il 25 aprile fu un secondo risorgimento, no a riscritture della storia»

25/04/2019  Il Capo dello Stato al Quirinale incontra un'associazione di ex combattenti: «Oggi ricordiamo chi riscattò l'Italia. I giovani facciano propri i valori costituzionali». Deposta una corona d’alloro all’Altare della Patria, poi le celebrazioni a Vittorio Veneto

Un 25 aprile carico di polemiche. Dalle divisioni nel governo, con alcuni ministri della Lega che hanno deciso di non celebrarlo a differenza di quelli del Movimento 5 Stelle, e lo striscione dei tifosi laziali che a Milano, in piazzale Loreto, hanno inneggiato con uno striscione a Benito Mussolini. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha pronunciato parole chiare sul significato della festa della Liberazione dal nazifascismo: «I giovani facciano propri i valori costituzionali», ha esortato il capo dello Stato mercoledì pomeriggio durante una cerimonia al Quirinale con le associazioni dei combattenti, «La festa del 25 aprile ci stimola a riflettere come il nostro Paese seppe risorgere dopo la tragedia della seconda guerra mondiale. Un vero secondo risorgimento in un Paese materialmente distrutto e gettato nello scompiglio dal regime fascista nemico e da quello monarchico».

E ancora: «Conoscere la tragedia il cui ricordo è ancora vivo ci aiuta a comprendere le tante sofferenze che si consumano alle porte dell'Europa che coinvolgono popoli a noi vicini. Domani (oggi, ndr) in moltissime località verranno ricordati le donne e gli uomini, i civili e i militari, i sacerdoti che contribuirono al riscatto del nostro Paese». E sulle associazioni partigiane e combattentistiche dice che sono «un monito a interessate riscritture della storia».

Un monito forte, quello di Mattarella, con l’obiettivo di preservare il 25 aprile dalle strumentalizzazioni politiche. Dopo aver deposto una corona d’alloro all’Altare della Patria, a Roma, il Presidente celebra la festa della Liberazione a Vittorio Veneto accolto dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo