Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
Covid-19
 

«40 anni di matrimonio felice, poi il Covid e la reclusione. Abbiamo iniziato a odiarci!»

05/12/2022  "Io e mia moglie siamo vicino ai 70 anni di matrimonio. Entrambi ci siamo presi il Covid e siamo stati reclusi per un po'. Da quel momento abbiamo iniziare quasi ogni giorno per le piccolezza con scarsa pazienza e tolleranza. Ora ne siamo usciti, ma con tante cicatrici.."

Siamo vicini ai settant’anni e ci siamo beccati il Covid: prima io, poi mia moglie. Non siamo stati molto male, davvero, ma eravamo reclusi; i figli con le loro famiglie non si sono fatti più vivi, giustamente, ci portavano a turno la spesa sulla porta. E noi due a non poter uscire... e quante litigate sono nate tra noi due... lei voleva sempre la Tv accesa, specie sul Papa, e io volevo un po’ di silenzio... Insomma, dopo quarant’anni di matrimonio che credevamo felice ci siamo odiati. Ora siamo guariti, ma pieni di cicatrici. ENRICO

— Descrivi molto bene, caro Enrico, la vostra vita coniugale da reclusi e ora chiedi aiuto per guarire le cicatrici. Hai ragione, proviamo a capire perché: nella vita normale due coniugi hanno le loro attività, le loro “uscite”, anche da pensionati. Ad esempio, tu descrivi le tue grandi camminate e lei – quelle rare volte che viene con te – dopo due chilometri è già stanca e vuol tornare indietro. Di solito, nella vita “normale”, si crede di conoscersi, invece quando si è costretti a rimanere negli stessi sessanta metri quadri per quindici giorni saltano fuori tutte le “insopportabili” differenze.

Vero, verissimo: questo è uno degli insostenibili pesi del Covid. E non è colpa vostra! Ma il problema (non la colpa!) c’è e rischia di lasciare strascichi pesanti anche post Covid. Allora non ci resta che guardare in faccia questi problemi per non tramutarli in accuse: primo, ai tuoi occhi tua moglie è una spendacciona, mentre tu sei un saggio risparmiatore; ad esempio, lei terrebbe sempre accesa l’aria condizionata e tu la vorresti solo per le ore caldissime eccetera. È a dire: le differenze (inevitabili!) da “reclusi” rischiano appunto di diventare accuse. Ma attenti a non scambiare la causa per l’effetto: di fatto non è cambiato nulla, solo che da “prigionieri” era molto più difficile sopportare le differenze.

So che siete così saggi da non spifferarlo ai vostri figli, non ne vale la pena. Secondo: ora potete sorriderci su, dicendovi in allegria, nel post Covid, “eri così insopportabile e ti ho amato lo stesso. Anzi, non ti cambierei con nessun altro al mondo”. Questo è il frutto buono del Covid, se lo volete; del resto tu racconti che dopo un po’ di giorni vi siete accordati almeno su una cosa: ore 15 ora del film per Tv. E ciascuno poteva sceglierlo a giorni alterni. Ti pare poco? Ora potete sorriderne e scoprirvi più forti del virus! E potete tornare in allegria ai vostri “impegni” che vi tengono un po’ distanti l’uno dall’altra. Per ritrovarsi poi, non vi pare?

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo