logo san paolo
mercoledì 16 giugno 2021
 
Emergenza umanitaria
 

Migranti, 65 milioni in fuga da guerre e carestie

18/11/2016  Il rapporto sulle migrazioni di Anci, Caritas e Fondazione Migrantes fotografa il fenomeno nei primi dieci mesi del 2016: 4.899 i migranti morti nel tentativo di raggiungere l'Europa, 159.432 gli arrivi in Italia.

Numeri che testimoniano una tragedia senza fine. Sono quelli del “Terzo Rapporto sulla protezione internazione in Italia 2016” realizzato da Anci, Caritas Italiana, Cittalia, Fondazione Migrantes e dal Servizio centrale dello Sprar, in collaborazione con l'Unhcr,  che fotografa la situazione dei migranti. Nei primi 10 mesi del 2016 sono stati 4.899 i migranti morti nel tentativo di raggiungere l'Europa; di questi 3.654 hanno la perso vita nel Mediterraneo. Nel 2015 sono state 65 milioni le persone che hanno lasciato il loro Paese. Tra di essi 21,3 milioni i rifugiati, 40,8 milioni gli sfollati interni e 3,2 milioni i richiedenti asilo. Lo studio ha calcolato un ammontare di circa 34mila persone al giorno che nel 2015 sono state costrette a fuggire dalle proprie case per l'acuirsi di conflitti e di situazioni di crisi, vale a dire una media di 24 al minuto. Nel nostro Paese nei primi 10 mesi  gli arrivi sono stati 159.432,  con un incremento del 13% rispetto al 2015. La maggioranza è ospitata in Lombardia, il 16%, il Veneto accoglie il 9,9%, in Piemonte si trova il 9,1%  mentre in Campania 9%. La maggior parte dei migranti residenti è invece in Sicilia  45,8%, seguono Puglia 23,5,% Calabria 13,6% e Lazio col 10 % %
 

Lo studio ha contato poi, nello scorso anno, 1 milione e 393.350 domande di protezione internazionale nell'Ue, ambito che vede la Germania primeggiare con 476.620 istanze presentate (il 36% del totale), seguita da Ungheria, Svezia, Austria e Italia. Questi ultimi 5 paesi raccolgono tutti insieme il 74,8% delle domande presentate nel Vecchio Continente. Nel 2015 il 98% dei rifugiati ha trovato ospitalità soprattutto in paesi in via di sviluppo: a guidare la classifica la Turchia, con 2,5 milioni, seguita da Pakistan (1,6 milioni), Libano (1,1 milioni), Iran (979mila) e Etiopia (736mila). I principali paesi di origine dei migranti sono stati la Siria (4,9 milioni), l'Afghanistan (2,7 milioni), e la Somalia (1,1). Nel rapporto si sollecitano i Paesi Ue ad «ampliare i canali umanitari in ingresso nell'Ue, anche attraverso il rilascio di visti da richiedere alle ambasciate dei Paesi di transito e origine». Il direttore generale della Fondazione Migrantes, monsignor Giancarlo Perego, ha parlato della situazione dei minori non accompagnati, «ambito numericamente quasi raddoppiato nel 2016 rispetto al 2015, che vede un'accoglienza fatta ancora in strutture straordinarie (12mila su 14mila)». Un altro dato sugli sbarchi lo ha fornito il capo del Dipartimento immigrazione del Viminale Mario Morcone: rispetto all'anno scorso i migranti giunti sulle coste italiane sono aumentati del 16,4% e nei prossimi giorni il loro numero supererà la cifra record dei 170mila del 2014. A questo punto, ha annunciato, «viaggiamo verso le 200mila persone, un numero che se fosse supportato dagli 8mila sindaci non creerebbe alcun problema sul territorio».

I vostri commenti
8
scrivi

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%